Bione, la Lega nord contro lo "spreco" degli 8.000 euro per i container

Il responsabile provinciale Sicurezza e Immigrazione Lorenzo Citterio denuncia gli errori di gestione da parte di Governo e Prefettura

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Ciò che sta accadendo al Bione di Lecco è solamente uno dei tanti casi di mala gestione delle risorse che il Governo, a fronte dei continui tagli agli enti locali, continua inspiegabilmente a trovare per l’accoglienza dei numerosissimi sedicenti profughi che da mesi sbarcano incessantemente sul nostro territorio. Montata la tendopoli, bastano poche settimane perché la Fondazione, che riceve e gestisce i famosi 35€ al giorno a profugo, decida di sostituire le tende con dei container in affitto, per un costo di circa 8000€, e riceva l’assenso della Prefettura come se non fosse successo nulla.

La Lega nord non ci sta: se ci si può permettere di sprecare 8000€ (avanzati dai 35€ al giorno a richiedente asilo) per un errore di valutazione, non è forse il caso di rivedere la cifra giornaliera ricevuta da coloro che gestiscono i profughi dal Governo? Perché la Prefettura acconsente che si sprechino soldi pubblici senza nessuna valutazione in merito alla costruzione di una tendopoli a fine agosto, conoscendo i lunghissimi tempi di lavoro delle commissioni per stabilire l’accoglimento o meno della domanda d’asilo?

La Lega chiede risposte, e chiede giustizia di fronte ad un problema che sta diventando un business sulla pelle dei richiedenti asilo e sulle tasche dei cittadini italiani, che vedono aumentare le imposte locali per scoprire dell’esistenza di simili sprechi e di cattiva gestione di quella che ormai è un’invasione incontrollata. Da inizio anno nel nostro paese sono fuggiti più di 60.000 richiedenti asilo dai centri d’accoglienza, eppure da parte del Governo non c’è stato alcun cambiamento di rotta, ed è anche a fronte di ciò che l’Europa sta valutando se e come sanzionare il comportamento tenuto dal governo Renzi.

Non possiamo sopportare che l’incapacità di affrontare questa situazione faccia venir meno la sicurezza dei nostri cittadini, e tanto meno sopporteremo che i soldi usciti dalle nostre tasse continuino ad essere spesi senza rigidi controlli. Se fossimo stati in un paese dove non si fa di questa emergenza un business, come la Germania, non sarebbe neanche servito smontare la tendopoli per sostituirla con dei container: per analizzare una domanda d’asilo infatti ci si impiega al massimo due mesi, e non un anno e mezzo come in Italia…

 

Il Responsabile Provinciale Dipartimento

Sicurezza e Immigrazione

Lega Nord Lecco 

Lorenzo Citterio

Torna su
LeccoToday è in caricamento