Viale Turati: danneggiate le luci del cimitero monumentale

Il sindaco Brivio: "Atto di vandalismo che danneggia tutti noi"

Le luci del cimitero monumentale danneggiate dai vandali

Atto di vandalismo in viale Turati, a Lecco, dove un gruppo di luci posizionate sul muro esterno del cimitero monumentale sono state danneggiate da ingnoti. A condannare e denunciare il gesto è il sindaco di Lecco Virginio Brivio: "Voglio riservare uno spazio anche al racconto di un episodio che ha danneggiato, come tutte le azioni simili a questa, ciascuno di noi, un atto di vandalismo con il quale sono stati, è proprio il caso di dirlo, distrutti i faretti posizionati in viale Turati, lungo il muro di recinzione del cimitero monumentale di Lecco".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altra vergogna sui monti lecchesi: divelte le Croci del Magnodeno 

Viale Turati: sostituiti i fari danneggiati

I fari, nel frattempo, sono stati cambiati: "Il Comune di Lecco ha prontamente provveduto a sostituirli, tanto prontamente da far sì che molti di voi non abbiano nemmeno avuto la possibilità di “ammirare” quanto compiuto, ma la sostanza è che ore di lavoro e soldi pubblici sono stati impiegati per riparare un vandalismo causato da persone che disprezzano il bene comune e che così facendo arrecano un danno sia di immagine sia economico alla nostra città e a tutti noi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Iperal, dipendenti in stato di agitazione: «Nessuna chiusura festiva, controlli sospesi e pochi dispositivi di protezione»

  • Il bucato al tempo del Coronavirus: come eliminare germi e batteri

  • Sconti per famiglie in difficoltà e corsie preferenziali: le misure di Esselunga contro il Coronavirus

  • Coronavirus, ecco l'applicazione per il cellulare: «Vi chiediamo di scaricarla tutti»

  • Coronavirus, Borrelli sposta la fine della quarantena: «Credo che staremo a casa anche il primo maggio»

  • Coronavirus, Fontana: «Bisogna prepararsi se il Coronavirus dovesse tornare a ottobre»

Torna su
LeccoToday è in caricamento