menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il carroattrezzi mentre rimuove un'auto parcheggiata sul lungolago

Il carroattrezzi mentre rimuove un'auto parcheggiata sul lungolago

Lungolario Isonzo: parcheggi e proteste. La soluzione in piazza Affari?

I commercianti del Lungolario Isonzo protestano per la cattiva gestione dei parcheggi che costeggiano il lungolago: piazza Affari potrebbe essere la soluzione

Dopo le continue segnalazioni in comune e le continue risposte poco convincenti dall'amministrazione, i negozianti del lungo lago di Lecco sono infuriati a causa dei parcheggi a pagamento che costeggiano il Lungolario Isonzo dalla Canottieri Lecco fino a piazza XX Settembre.

Le proteste partono già dall'albergo Alberi che, durante la manifestazione sportiva della 10 km del Manzoni, non solo ha messo a disposizione i propri bagni per consentire agli atleti il riparo dall'acquazzone e il cambio ma, per i parcheggi non consentiti lungo il viale, ha perso anche alcuni clienti che non potendo sostare innanzi all'albergo e dovendo usufruire dei parcheggi sotto la chiesa di San Nicolò per lo scarico dei bagagli, ha preferito rinunciare a visitare Lecco.

"Abbiamo il Bione, un centro sportivo che può consentire il corretto svolgimento di manifestazioni sportive anche in caso di maltempo, perchè non usare quello? Che qualche evento sportivo si svolga anche sul Lungolago va bene, ma non sempre e non se il tempo non lo consente"- accentuano dall'albergo Alberi-"se andiamo avanti così anche su questo viale ci sarà la morìa di attività, così non si può lavorare, non ce lo permettono proprio".
"Altro che pagare un euro per la tassa di soggiorno, prima offrite i servizi e poi se ne riparla" hanno concluso dall'albergo.

Anche dallo storico negozio Battistini le proteste non sembrano attenuarsi "Ogni volta è sempre la stessa storia: per una manifestazione o per un'altra i parcheggi diventano a pagamento o addirittura non si può parcheggiare. Già c'è la crisi, in più ci tolgono anche i parcheggi..Alle nostre spalle abbiamo già piazza Affari che da undici anni non viene sistemata, ci potrebbero stare almeno 80 macchine, eppure, adesso, con pozze e caldo, si trovano solo rane e zanzare. Altro che fiore all'occhiello di Lecco. Con i soldi incassati dalle multe avrebbero potuto sistemare l'area".

"Sabato ho aspettato alcuni clienti dalla Valsassina che, imbottigliati nel centro per un'ora e mezza, alla fine hanno deciso di tornare a casa. Se avessi saputo del casino che ci sarebbe stato mai gli avrei detto di venire in negozio sabato.
Con altri negozianti del viale stiamo pensando ad una denuncia, non possiamo sempre rimetterci, se non paghi le tasse qui chiudi, ma se non abbiamo incassi come le paghiamo le tasse?"
Nello stesso momento in cui stavamo intervistando il titolare del negozio, un vigile, multe alla mano, distribuiva contravvenzioni e, con un carroattrezzi al seguito, prelevava un'auto in sosta vietata.

"Il prossimo passo sarà chiedere l'intervento di Striscia la Notizia o delle Iene"

Non è finita, perchè da mercoledì 2 luglio a domenica 6 luglio continuerà il divieto di sosta su ambo i lati per il lungolago dalle 8 di mattina alle 24 per permettere ai pullman di posteggiare per il Festival dei cori giovani Zelioli. 

I commercianti attendono speranzosi una presa di posizione dell'amministrazione comunale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento