Lutto a Lecco: scomparso Alberto Comi, già direttore di Confindustria Lecco

Ricoprì la prestigiosa carica nell'associazione di Via Caprera dal 2003 al 2007. Giovedì il funerale, allestita la camera ardente in ospedale

Alberto Comi

Lutto nel mondo dell'imprenditoria e dell'associazionismo lecchese. All'età di 74 anni è scomparso Alberto Comi, direttore di Confindustria Lecco dal 2003 al 2007.

Comi, entrato in associazione come funzionario dell'area sindacale, ne divenne responsabile per poi assumere, successivamente, la carica di vicedirettore vicario dell'associazione e quindi quella di direttore, nel 2003, sotto la presidenza di Rossella Sirtori. Lasciò Via Caprera nel 2007, nel periodo di Franco Keller, «dopo avere contribuito - spiegano i vertici di Confindustria Lecco in un comunicato ufficiale - per molti anni allo sviluppo delle attività dell'associazione. Alla sua famiglia, in particolare, esprimiamo le più sentite condoglianze per la grave perdita».

Addio a Giulia Maria Crespi, fondatrice del Fondo ambiente italiano

Comi, classe 1946 e residente a Lecco in Via del Seminario nel rione di Castello, fu inoltre consulente della Gilardoni Raggi X a Mandello. Lascia la moglie Concetta e due figli, Sergio e Claudia.

Il funerale si svolgerà giovedì 23 luglio alle 10.45 alla chiesa parrocchiale di Castello a Lecco. La camera ardente è allestita da oggi pomeriggio (fino le ore 09.45 di giovedì) all'Ospedale Manzoni di Lecco (con orari di accesso 08-12 / 13.30-17.30).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lombardia torna in zona rossa, cosa si può fare e cosa no

  • Doppia tragedia sui monti che circondano il Lecchese: morti due uomini a Brumano e sul San Primo

  • Rintracciati i due minori che si erano allontanati dalle proprie case di Verderio e Paderno

  • Calolzio: scoperta società legata alla malavita, il Prefetto De Rosa la chiude

  • Cadavere nell'Adda: si tratterebbe della donna scomparsa due giorni fa

  • Coronavirus, i dati dell'Asst: pressione stabile su "Manzoni" di Lecco e "Mandic" di Merate

Torna su
LeccoToday è in caricamento