Cronaca Via Parodi

Lutto a Mandello per la scomparsa di Francesco Gala, il fotografo di tutti

Conosciuto e stimato in paese per la lunga attività professionale e la proverbiale generosità, si è spento all'età di 89 anni. Il funerale martedì alla chiesa di San Lorenzo. Venerdì il sindaco Riccardo Fasoli gli aveva consegnato l'attestato di civica benemerenza

Francesco Gala con la moglie Irene

Lutto a Mandello. Si è spento, all'età di 89 anni, Francesco Gala, "il fotografo" in paese. Profondo cordoglio, in queste ore, sta giungendo da più parti ai famigliari, per una persona conosciutia e stimata e alla quale era impossibile non volere bene.

Tutt'oggi - grazie all'attività di figli e nipoti - il cognome Gala è legato indissolubilmente al mondo della fotografia. Intere generazioni hanno sviluppato le proprie istantanee da lui. Per molti mandellesi (e non solo) è la persona che ha scattato le fotografie in un determinato momento importante della propria vita. Francesco aveva appena ricevuto dal sindaco Riccardo Fasoli, venerdì, la civica benemerenza dal Comune di Mandello, riferita all'anno 2020, per la sua lunghissima attività professionale ma anche per il suo impegno nel sociale. Nel 2019 aveva festeggiato le nozze di diamante con sua moglie Irene.

In gioventù Francesco aveva lavorato alla "Gilardoni Raggi X", dove nacque la sua passione per la fotografia. Aprì poi lo storico negozio di Via Parodi e successivamente a Mandello basso.

«Umile e impegnato nel sociale»

«Una persona estremamente disponibile, sempre pronta a concedere il proprio tempo e la propria competenza professionale gratis» lo ricorda Bianca Panizza, curatrice di tre libri dedicati a Mandello ("Passioni e professioni", "Storia del tempo che fu", "Cento anni della storia della Casa di riposo") in cui compaiono anche scritti di Gala. «Aveva grande pazienza, mai una volta che abbia dimostratro frenesia o insofferenza. Era umile, non voleva che si sapesse quanto faceva per il sociale e le persone con problematiche gravi. Era sempre pronto ad aiutare gli altri, simpatico, un maestro di cerimonia della situazione. Uomini come lui sono rari, lo ricorderemo a lungo perché la gentilezza che sapeva regalare agli altri, anche in una semplice visita nel suo studio, è indelebile».

Francesco Gala lascia la moglie Irene, i figli Roberta e Michele con Piera, i nipoti Andrea e Silvia. Il rito funebre avrà luogo alla chiesa parrocchiale di San Lorenzo a Mandello martedì alle 14.30, quindi Francesco proseguirà per il tempio crematorio. La famiglia ha voluto porgere un ringraziamento al dottor Fausto Mazzoleni e all'amico Claudio, per la propria umanità e professionalità.

Il ricordo del sindaco Fasoli

Francesco non c'è più. Per i cittadini più adulti non è un mistero il ruolo che Francesco Gala ha avuto nella società Mandellese del novecento e anche in questo nuovo millennio che non lo ha visto soccombere alla modernità, anzi. Sono contento che il Consiglio comunale abbia deciso di riconoscergli all'unanimità la civica benemerenza: il suo modo di vivere è l'essenza dell'impegno civico. Sempre attenti, Lui e la amata moglie Irene, nei confronti di chi aveva bisogno: questa era l'unica discriminante.

Francesco resterà parte dei ricordi di tantissime generazioni delle quali ha fotografato gli eventi più importanti con la sua profonda professionalità.

Mi spiace tantissimo che non gli sia stata attribuita la civica benemerenza in cerimonia pubblica alla presenza dei ragazzi vincitori delle borse di studio: sarebbe stata un'occasione di passaggio di consegne importante e una testimonianza profonda dei valori a cui tutta la nostra comunità dovrebbe aspirare.

Non amava la ribalta, non avrebbe voluto ricevere questo riconoscimento: un motivo in più per essere orgogliosi di averglielo assegnato. 

Grazie ai costanti aggiornamenti sulla sua salute, fornitici dal figlio Michele, venerdì, a nome di tutto il Consiglio e di tutta la cittadinanza, ho consegnato attestato e medaglia al nostro grande e indimenticabile Francesco.

Una grande emozione per entrambi, un momento che mai dimenticherò. 

Grazie di tutto. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lutto a Mandello per la scomparsa di Francesco Gala, il fotografo di tutti

LeccoToday è in caricamento