menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli operai al lavoro per issare la statua (frame da Corriere.tv)

Gli operai al lavoro per issare la statua (frame da Corriere.tv)

Milano, la Madonnina arriva in cima al grattacielo "made in Lecco"

La Torre Isozaki, edificio più alto della città, ospita una copia della statua simbolo del capoluogo

Con i suoi 247 metri all'antenna è l'edificio più alto di Milano, e come da tradizione, da ieri ospita la Madonnina del Duomo: una copia della statua svetta sulla cima della Torre Isozaki, grattacielo "made in Lecco" che con i suoi 50 piani segna il punto più alto della città.

La statua, realizzata secondo le indicazioni della Veneranda fabbrica del Duomo, è stata posata in cima al grattacielo nel pomeriggio di ieri 23 novembre: l'operazione, durata oltre un'ora, è stata ripresa in diretta. 
Secondo la tradizione milanese, nessun edificio della città deve superare in altezza la Madonnina, ed è per questo che una copia dell'opera viene posta in cima all'edificio più alto della città, finora rappresentato dai 231 metri della Torre Unicredit.

La Torre Isozaki è stata eretta dalla lecchese Colombo Costruzioni fra il 2012 e il 2015: un lavoro monumentale che ha impegnato in cantiere, ogni giorno, circa 400 operai. L'azienda lariana negli ultimi anni è stata molto impegnata nell'edilizia milanese, costruendo edifici simbolo come la Torre Unicredit e il Bosco Verticale, premiato nei giorni scorsi come edificio più bello e innovativo del pianeta.

Guarda il video:

madonnina torre isozaki corriere video-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento