rotate-mobile
Cronaca Malgrate

Incidente di Malgrate, Fabio Dadati lancia un appello a Polano: "Non c'è bisogno di una strada a due corsie"

L'ex assessore provinciale al lavoro si rivolge al neo eletto Presidente della Provincia di Lecco, chiedendo di aumentare la sicurezza sulla strada che ieri è stata teatro dello schianto mortale.

Dopo il terribile incidente avvenuto a Malgrate la mattina di ieri 30 ottobre, l'ex assessore provinciale Fabio Dadati rivolge un appello al Sindaco del paese e neo eletto Presidente della Provincia Flavio Polano, sulla necessità di aumentare la sicurezza sul tratto di strada che conduce a Valmadrera dal ponte Kennedy.


«Già anni fa, quando ero assessore provinciale, provai a parlarne senza successo - afferma Dadati - oggi il problema si pone in tutta la sua gravità». 


«Un tratto a due corsie con un minuscolo marciapiede utilizzato ogni giorno da centinaia di persone, donne, giovani e bambini, che si recano a Lecco dalla parte alta di Malgrate e Valmadrera, è un tratto che è più utile e sicuro che diventi a una corsia, con un accesso sicuro alla rotonda per le auto che provengono dal lungo lago di Malgrate e due spaziosi marciapiedi con pista ciclabile, piante e parcheggi».


Per l'ex assessore una sola corsia basta e avanza, adesso che c'è l'attraversamento di Lecco e quel tratto fra Lecco e Valmadrera non è più parte della Statale del lago di Como e dello Spluga: «Rendiamo ai malgratesi ed ai lecchesi in genere un tratto di strada che non hanno mai potuto utilizzare, se non in auto o a loro grave rischio e pericolo. L’intervento dovrebbe riguardare tutto il tratto, almeno fino al semaforo di Valmadrera. Io ci passo ogni giorno, spesso a piedi, e non vi dico la sensazione di giocarsi la vita che ho in ogni momento con le auto che passano a forte velocità e la curva in contropendenza. C’è già morta troppa gente. Non facciamone morire altra».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente di Malgrate, Fabio Dadati lancia un appello a Polano: "Non c'è bisogno di una strada a due corsie"

LeccoToday è in caricamento