Cronaca

Lungolago di Malgrate: tutti i divieti in vigore

Ordinanza del Sindaco "per tutelare l'integrità del lungolago e per garantire il pacifico svolgimento della vita cittadina"

Un'ordinanza per disciplinare la fruizione del lungolago quella emessa - martedì 30 maggio - dal sindaco di Malgrate, Flavio Polano, dopo le polemiche sorte, lo scorso anno, per un uso da molti considerato improprio del "salotto" con vista su Lecco.

In vigore, si legge nel documento pubblicato sul sito internet del Comune (clicca qui):
- il divieto di utilizzo del molo e del pontile siti nello specchio d'acqua antistante Via Parini e Piazza Garibaldi per qualsiasi attività che non sia strettamente connessa all'attracco e il divieto di tutte quelle attività che possano arrecare danno o rendere meno fruibile gli stessi;
- il divieto di immergersi, anche parzialmente, nelle fontante o vasche pubbliche nonché di asportare materiali o gettare nelle stesse, detriti e qualsiasi materia solida o liquida;
- il divieto di effettuare, su tutto il lungolago:
pratiche sportive o ricreative pericolose per la circolazione stradale, per l'incolumità delle persone e delle cose o che creino disturbo agli altri avventori quali ad esempio il gioco del pallone
schiamazzi o disturbo della quiete pubblica con riproduttori musicali
raccogliere fiori dalle aiuole o gettare cicche o mozziconi per terra
- il divieto di accedere, camminare o di effettuare qualsiasi attività all'interno degli spazi erbosi, ad esclusione di quello ubicato nella parte inclinata del lungolago caratterizzato dalla presenza di apposite sedute;
- i cani e gli altri animali domestici, ad esclusione di quelli adibiti ai servizi di Polizia ed a pubblica utilità, possono accedere al lungolago solo se accompagnati al guinzaglio da persona capace di custodirli ed unicamente lungo i percorsi pedonali, il tutto per impedire che arrechino danni a persone e cose; inoltre l'accompagnatore deve essere necessariamente munito di strumenti idonei alla raccolta delle eventuali deiezioni, da depositarsi negli appositi contenitori;
- il divieto assoluto, su tutto il lungolago, al posizionamento anche provvisorio di ombrelloni, sdraio, sedie, tavolini o qualsiasi artifizio o cosa che possa arrecare danno al manto erboso o creare disturbo agli altri avventori, nonché il divieto di effettuare pic-nic o di accendere fuochi /barbecue ad esclusione delle aree autorizzate debitamente delimitate;
- il divieto assoluto, su tutto il lungolago, di accendere fuochi o altri artifizi pirotecnici anche quelli di libera vendita.

La violazione di quanto prescritto comporta una sanzione amministrativa da un minimo di 25 ad un massimo di 300 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lungolago di Malgrate: tutti i divieti in vigore

LeccoToday è in caricamento