rotate-mobile
Cronaca Mandello del Lario

Scuola "negata" perché manca l'insegnante di sostegno, il Sindaco di Mandello: "Situazione inammissibile, Lorenzo tornerà a scuola"

Dopo la visita alla scuola, il Primo cittadino annuncia: "Troveremo soluzione con la Provincia"

Lorenzo tornerà a scuola il prima possibile: è questa la promessa che Riccardo Fasoli, Sindaco di Mandello, fa all'indomani dell'episodio che ha visto il piccolo, 4 anni, costretto a tornare a casa dal suo primo giorno di scuola perché per lui non era  stata nominata nessuna educatrice di sostegno.

Nella mattinata di oggi, il Primo cittadino mandellese e la responsabile dei Servizi sociali del Comune, Silvia De Battista, hanno visitato la scuola e parlato con la famiglia del bimbo, in modo da capire cosa fosse realmente accaduto nella mattinata di ieri 2 settembre, quando si è scoperto che non ci sarebbe stata assitenza per la disabilità del piccolo. È De Battista a spiegare nel dettaglio dove sono mancati i fondi: «Per la disabilità di questo bambino è la Provincia a occuparsi della nomina dell'insegnante di sostegno, mentre i costi sono ripartiti a metà fra Provincia e Comune. A causa della mancanza di fondi è saltata la nomina, purtroppo però né noi né la scuola siamo stati avvisati in anticipo, e non abbiamo potuto fare nulla in tempo».

«È una situazione inammissibile, di cui anche noi siamo venuti a conoscenza solo nelle ultime ore - aggiunge il Primo cittadino - ma faremo di tutto perché Lorenzo torni in classe prima possibile. Abbiamo parlato anche con la famiglia, e nei prossimi giorni vedremo come affrontare il problema insieme alla Provincia per trovare il modo di garantire il sostegno per tutto l'anno scolastico».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola "negata" perché manca l'insegnante di sostegno, il Sindaco di Mandello: "Situazione inammissibile, Lorenzo tornerà a scuola"

LeccoToday è in caricamento