«È il tempo delle manutenzioni, non dei sogni»

La lettera aperta di Corrado Valsecchi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Manutenzione, manutenzione, manutenzione! Lo vado ripetendo, ogni giorno, dal giorno che sono diventato amministratore pubblico.

Cadono ponti, controsoffitti, tetti delle scuole, argini dei fiumi lasciano tracimare le acque, smottamenti idro-geologici sempre più frequenti, tutto questo ha un solo responsabile; la mancata manutenzione del nostro patrimonio pubblico.

Spiace dirlo ma l'attuale classe dirigente a Lecco, come in Italia, ha ereditato una situazione disastrosa che è stata generata da decenni di incuria.

La responsabilità dei politici e dei tecnici? Non aver finalizzato le risorse (quando ancora c'erano ed erano ingenti) alla salvaguardia del patrimonio pubblico!

Oggi, con poche risorse, è bene che il cittadino lo sappia, non ci sono più le condizioni per fare grandi opere, se non concludere quelle già avviate.

L'attenzione degli attuali amministratori sia locali, che nazionali deve concentrarsi prevalentemente sulle manutenzioni ordinarie e straordinarie dei nostri edifici pubblici, scuole, asili nido, ospedali, etc...

Qui a Lecco c'è gente, anche attraverso i giornali e i social, che chiede alla politica di far qualcosa per riaccendere il desiderio di sognare, di stupire con proposte di grande respiro!

Tutti vorremmo poterlo fare, ma questo è il tempo delle manutenzioni, cioè: di fare quello che non è stato fatto nei decenni precedenti.

Meglio rinunciare a qualche sogno (più propedeutico a portare voti ai partiti), ma tentare (con le risorse disponibili) di escludere le possibilità di entrare in qualche incubo.

Quindi le mie parole d'ordine non cambieranno ne per le strade, ne per gli edifici pubblici.

Manutenzione, manutenzione, manutenzione!

Corrado Valsecchi

Torna su
LeccoToday è in caricamento