Lutto a Lecco: scomparso lo storico fotografo Mario Marai. Il cordoglio del sindaco Gattinoni

Classe 1932, era una vera e propria istituzione cittadina. Il primo cittadino era stato suo collega

Mario Marai, a sinistra, durante una partita del Lecco BONACINA/LECCOTODAY

Cordoglio a Lecco per la scomparsa di Mario Marai. Classe 1932, era una vera e propria istituzione della città, che aveva raccontato per interi decenni e con ogni mezzo fotografico messo sul mercato. Nativo di Verbania e titolare per tanti anni del negozio "Foto Ottica Lariana" di via Cairoli, oggi gestito dal figlio Marco, era una presenza irrinunciabile anche allo stadio "Rigamonti-Ceppi" di Lecco, luogo in cui ha scattato migliaia di istantanee durante le partite dell'Ac Lecco prima e della Calcio Lecco 1912 poi.

Giusto pochi giorni fa avevo avuto il piacere d'incontrarlo proprio presso l'impianto calcistico cittadino per Lecco-Pistoiese: «Tu vai in campo? Giusto, sei giovane. Io ho dato», era solito dirmi nei giorni in cui il maltempo la faceva da padrone; oppure, ancora, non ho la capacità di contare gli scambi di vedute avuti durante la partita stessa. Eppure, aldilà di qualche logico acciacco legato all'età, non aveva mai smesso di essere presente dove ci fosse qualcosa da raccontare, mettere su rullino prima e scheda di memoria poi, sempre dispensando un buon consiglio a chiunque gli capitasse vicino.

Ciao, Mario.

Il cordoglio del sindaco

Di seguito la nota del Sindaco di Lecco, Mauro Gattinoni:

"Lecco piange la scomparsa di Mario Marai, storico fotografo capace d'immortalare la vita della nostra comunità: dalle manifestazioni sportive agli eventi, dalla montagna alla politica, passando per le imprese della Calcio Lecco. Mario era un grande professionista, una persona educata e spiritosa, un uomo perbene.

Conservo un ricordo particolarmente affettuoso per Mario, un ricordo che si accompagna ai 4 anni in cui ho avuto il piacere di lavorare con lui nella redazione del Giornale di Lecco apprezzandone la lealtà, la puntualità e anche il perenne senso critico che usava accompagnare con un'innata ironia.

Con Mario se ne va quel volto simpatico e "popolare" del Giornale di Lecco, quell'uomo capace di mettere in fila tutti quanti per una bella foto: che siano i politici della città, o i chierichetti della Basilica, la squadra del Lecco o la mangiata dei coscritti. Quando c'era Marai c'era la notizia. Ha raccontato decenni di fatti e di cronaca della nostra città, dai grandi eventi alle piccole storie quotidiane, sempre presente sul campo, infaticabile, fino all'ultimo "click".

A nome dell'Amministrazione comunale e di tutta la comunità lecchese, esprimo il mio sincero cordoglio per la scomparsa di Mario Marai e la mia vicinanza alla sua famiglia, in particolare ai figli Anna e Marco e agli amati nipoti e bisnipoti".

Il cordoglio della Calcio Lecco

“Calcio Lecco 1912 si stringe attorno alla famiglia Marai per la scomparsa di Mario, che con le sue bellissime foto ha immortalato per anni le gesta dei blucelesti. Alla sua famiglia va l’abbraccio dei Presidenti, dei Direttori, dei tesserati e di tutti i tifosi blucelesti”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lombardia torna in zona rossa, cosa si può fare e cosa no

  • Castello, dopo mezzo secolo chiude lo storico negozio di alimentari di Rino e Grazia

  • Doppia tragedia sui monti che circondano il Lecchese: morti due uomini a Brumano e sul San Primo

  • Rintracciati i due minori che si erano allontanati dalle proprie case di Verderio e Paderno

  • Calolzio: scoperta società legata alla malavita, il Prefetto De Rosa la chiude

  • Cadavere nell'Adda: si tratterebbe della donna scomparsa due giorni fa

Torna su
LeccoToday è in caricamento