menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Matteo Bernasconi aveva 38 anni (Foto da FB)

Matteo Bernasconi aveva 38 anni (Foto da FB)

Tragedia in Valtellina: a soli 38 anni è morto il Ragno Matteo Bernasconi

Travolto da una valanga nel Canale della Malgina, sul Pizzo del Diavolo, il suo corpo è stato recuperato all'alba dagli uomini del Soccorso alpino. Aveva partecipato alle indimenticabili spedizioni in Patagonia. I Maglioni rossi: «Ciao Berna»

Una tragica notizia ha scosso il mondo dell'alpinismo, lecchese e non solo. A soli 38 anni è morto Matteo Bernasconi, ragazzo solare e padre, uno dei membri di spicco dei Ragni di Lecco.

Il suo corpo senza vita è stato recuperato questa mattina dagli uomini del Soccorso alpino (nella foto sotto, le operazioni). Bernasconi è stato travolto ieri da una valanga nel Canale della Malgina, al Pizzo del Diavolo, in Valtellina. L'allerta era partita nella serata di martedì. Gli uomini del Cnsas sono riusciti a concentrare le ricerche in una zona dopo avere riconosciuto l'auto dello sfortunato alpinista. Dopo alcune ore, purtroppo, il tragico rinvenimento.

Hanno partecipato all'intervento il Cnsas - VII Delegazione Valtellina Valchiavenna, Stazione di Sondrio, con tecnici e Ucv (unità cinofile da valanga) e con il Sagf, Soccorso alpino Guardia di finanza. Sul posto è giunto l'elicottero di Areu partito da Caiolo.

Tragedia in Pakistan: militare italiano perde la vita in montagna, anche il "Ragno" Bernasconi in cordata

Il profilo di Matteo Bernasconi

Classe 1982, originario di Como, Bernasconi faceva parte dei Ragni Lecco dal 2003; nel 2011 era diventato Guida alpina.

Appassionato di montagna in ogni sua espressione, dall'arrampicata al ghiaccio all'alpinismo e allo sci, aveva partecipato a tutte le spedizioni dei "Maglioni Rossi" in Patagonia, in tutto sette dal 2006 al 2013, con l'apertura di diverse nuove vie e momenti comunque indimenticabili come l'avventura, complicatissima, del 2012 sulla parete Ovest della Torre Egger con Matteo Della Bordella, quando i due furono costretti a desistere a pochi metri dal traguardo.

Numerose sono le attestazioni di cordoglio che in questi minuti si stanno susseguendo per Matteo, conosciuto e stimato nel Lecchese per le sue imprese in montagna e non solo.

I Ragni di Lecco, nello sgomento di una notizia terribile, lo hanno abbracciato idealmente con "Ciao Berna" sui propri canali social e con poche, commosse parole sul sito ufficiale. 

" In questo momento non abbiamo parole per esprimere il nostro cordoglio. Possiamo solo stringerci in un grande abbraccio alla sua famiglia e a tutti gli amici che hanno avuto l’onore di conoscerlo e di legarsi con lui in montagna. "

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento