menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carlo Ambrogio Enrico Mazza (a destra), con il Questore di Lecco Filippo Guglielmino

Carlo Ambrogio Enrico Mazza (a destra), con il Questore di Lecco Filippo Guglielmino

Lecco, cambio in Questura. Il nuovo vicario del Questore è Carlo Mazza

54 anni, veronese, vanta una lunga esperienza anche a livello internazionale. Succede a Gabriella Acca, tornata a Cagliari per motivi famigliari

Sarà Carlo Ambrogio Enrico Mazza il nuovo braccio destro del Questore di Lecco Filippo Guglielmino. Questa mattina è stato infatti annunciato e presentato il nuovo Vicario: 54 anni, milanese, Primo Dirigente della Polizia di Stato, sposato con due figli, Mazza vanta una lunga esperienza nel Corpo, ma non solo. Laureato in Giurisprudenza, è operativo sul campo dal settembre 1987: in quei mesi entrò in servizio nell'Arma dei Carabinieri, ma già nel 1990 passò nei ranghi della Polizia di Stato; nel settembre 1991 il primo incarico, nella sua Milano, come dirigente della IV sezione della DIGOS.

La sua lunga carriera l'ha portato a rivestire l'incarico di Funzionario addetto alla Sezione Antiterrorismo (1992-1996), a quella della Direzione Investigativa Antimafia (1996-2005), a collaborare con il S.I.S.Mi (2005-2007) e il Ministero degli Affari Esteri (2008-2009), mentre negli ultimi anni è stato anche in Venezuela come esperto antidroga (2009-2013) in carico all'Ambasciata italiana. Ritornato in Italia, ha ricoperto incarichi di rilievo anche presso le Questure di Vercelli (Dirigente Divisione Anticrimine e Polizia Amministrativa e Sociale, 2013-2015) e Verona (Dirigente Divisione Anticrimine e Capo di Gabinetto, 2014-2017). Un curriculum veramente lungo e denso di specializzazioni, lodi ed encomi, che ora arricchirà ulteriormente con l'esperienza lecchese.

"Nel 2005 presentai proprio in questa sala (quella delle riunioni, ndr) un'operazione internazionale che avevo condotto, da Milano, insieme alla Squadra Mobile della Questura di Lecco e in collaborazione con l'FBI e la DEA - ricorda - inerente al traffico di droga internazionale condotto da una banda albanese. Ho accettato questo incarico perchè conosco il Questore Guglielmino da ormai quasi trent'anni e c'è profonda stima tra di noi. Sarà un compito molto diverso, quello che dovrò svolgere, rispetto ai precedenti. Il territorio lecchese ha delle specificità importanti, è una zona di passaggio nevralgica, che monitoreremo in ogni suo aspetto. Venezuela? Il dramma che si vive si trascina ormai da anni, non è recente come si crede."

Mazza succede a Gabriella Acca, tornata a Cagliari per "motivi personali che le hanno fatto prendere questa decisione - spiega il Questore Guglielmino -. Con lui mi conosco da tanti, tanti anni, sono sicuro che ci saprà dare un grande contributo. In questa zona sono presenti tutte le dinamiche moderne legate alla criminalità, per cui il livello di attenzione deve rimanere sempre molto alto."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Lecco: lunedì 10 aprono le prenotazioni dei vaccini per la fascia 50-59 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento