menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I pulcini 2005 del Cabiate calcio

I pulcini 2005 del Cabiate calcio

Colpito da una pallonata sviene durante la partita, e alla fine i compagni gli regalano la coppa: paura e commozione a Monte Marenzo

Il giovanissimo calciatore del Cabiate ha perso i sensi dopo il colpo violento

Paura e commozione a Monte Marenzo domenica 7 giugno, giornata finale del Memorial Candido Cannavò, torneo di calcio organizzato dalla polisportiva del paese, per un incidente che si è verificato durante la finale che ha visto contrapposti i pulcini dell'Olginatese e del Cabiate calcio, squadra della provincia di Como.

Un giovanissimo calciatore del Cabiate, infatti, è stato colpito violentemente al ventre da una pallonata: dopo l'impatto il ragazzino, 9 anni, ha portato le mani alla gola, come se non riuscisse a respirare, appena prima di perdere i sensi e cadere riverso a terra.

Subito sono entrati in azione gli operatori del pronto intervento presenti alla manifestazione, che hanno rianimato immediatamente il piccolo e e, insieme agli istruttori, attuato le manovre di disostruzione delle vie aeree, prima di caricarlo sulla barella e portarlo a bordo campo, all'ombra, dove gli è stato somministrato anche dell'ossigeno.

Un momento drammatico che si è concluso nel nome dello spirito sportivo più autentico e dell'amicizia: al fischio finale del match, finito 1-1 e vinto ai rigori dall'Olginatese, i ragazzini di entrambe le squadre sono corsi dal compagno infortunato per constatare che si sentisse meglio e, al momento della premiazione, i pulcini del Cabiate hanno deciso di regalare proprio a lui la coppa del secondo posto appena conquistata, davanti a un pubblico che non ha trattenuto gli applausi e nemmeno qualche lacrima.

«È stato un momento di grande commozione - ha commentato Andrea Scanziani, "mister" dei pulcini cabiatesi - sono molto contento dei miei ragazzi, hanno dimostrato che, oltre allo spirito di squadra, fra loro è nata una grande amicizia, aiutata dall'attività sportiva».

«Vorrei ringraziare gli operatori del pronto intervento - ha aggiunto Bruno Agnoletto, dirigente della Polisportiva Cabiate - e agli organizzatori del torneo, che hanno gestito la situazione in modo lodevole».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento