menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lite violenta fra giovani a Merate, parte il colpo di pistola: arrestato un diciottenne

Tre carabinieri fuori servizio hanno disarmato e arrestato il ragazzo

Sarebbe potuta sfociare in un episodio violento la litigata avvenuta tra alcuni giovani nella tarda serata di ieri 4 agosto a Merate, quando, dalle male parole, si è quasi passati alle vie di fatto ed è spuntata anche una pistola.

Intorno a mezzanotte alcuni giovani, italiani e stranieri, hanno preso a litigare in prossimità del garage di via Cazzaniga e improvvisamente uno di loro, un 18enne di Montevecchia, ha estratto una pistola Smith&Wesson calibro 38 ed ha sparato un colpo a scopo intimidatorio contro il muro del parcheggio, provocando un fuggi fuggi generale.

L’esplosione non è sfuggita a tre carabinieri fuori servizio, che a quell’ora si trovavano in un bar nei pressi del garage e sono immediatamente accorsi sul posto, riuscendo a bloccare e disarmare il 18enne, unico rimasto dopo che gli altri se l’erano data a gambe, con l’arma pronta a sparare altri colpi.

Il giovane, identificato in G.C., è stato quindi arrestato per esplosioni pericolose e porto, detenzione abusiva e ricettazione di armi: la Smith&Wesson, infatti, dai primi accertamenti è risultata rubata in provincia dell’Aquila nel novembre 2014.

Ora sono state avviate dai carabinieri di Merate le indagini volte a ricostruire l’esatta dinamica del fatto. e soprattutto a capire sia le motivazioni alla base dell’evento, sia come il giovane sia venuto in possesso dell’arma rubata.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato portato alla Casa circondariale di Lecco, in attesa dell’udienza di convalida. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento