menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il capitano Santacroce con il maresciallo Ombrosi

Il capitano Santacroce con il maresciallo Ombrosi

Preso lo scippatore seriale della brianza: è un 43enne pluripregiudicato

Franco Buono era evaso da una comunità in cui si trovava per scontare gli ultimi due anni dei 13 a cui era stato condannato per spaccio e rapina

E' Franco Buono, 43enne pregiudicato, lo scippatore seriale che da tempo stava terrorizzando la brianza lecchese con i suoi furti (9 furti in totale, vedi articoli correlati, n.d.r.).
L'uomo è stato arrestato il 16 agosto dai carabinieri a Dolzago, comandati dal maresciallo Nicolino Ombrosi mentre era a liberamente a passeggio per la città.

"Siamo riusciti a fermare l'uomo - spiega il capitano Giorgio Santacroce - dopo una lunga caccia e grazie all'ottimo lavoro di tutti i militari che si sono messi alacramente al lavoro per mettere fine a questa spirale di scippi ad opera dell'uomo, che ha preso il via dopo la metà di luglio."

Chiaro il modus operandi: Buono, fuggito da una comunità di San Giovanni in Croce (Cremona) in cui si trovava per scontare gli ultimi due anni di una pena di 13 rimediata per spaccio e rapina, si muoveva da solo o con un complice a bordo di un Kymco di colore grigio chiaro rubato in precedenza a Civate e sceglieva di colpire donne non giovanissime e non accompagnate.
Da queste modalità di furto i militari hanno capito che si trattava di una persona disperata, probabilmente un tossico alla ricerca di soldi per rimediare stupefacenti.

Decisivo per l'arresto è stato il 6 agosto, quando Buono è stato trasportato all'Ospedale di Lecco in seguito ad una caduta dal motorino: il 43enne si è dato alla fuga rubando un Yamaha T-Max e, dai controlli effettuati dai carabinieri con il personale sanitario, è arrivata la conferma sull'identità dello scippatore.

Abbandonato il nuovo mezzo, Buono si è dato una sorta di pausa, fino all'arresto avvenuto, come detto in precedenza, il 16 agosto a Dolzago. Da qui il trasporto in Ospedale, dove è stata rilevata una frattura ad una spalla e, successivamente, il trasferimento alla Casa Circondariale di Pescarenico.

Le indagini hanno portato a scoprire il covo dell'uomo, situato a Castello Brianza in un cascinale disabitato, dove sono stati ritrovati i vestiti utilizzati per commettere gli scippi.
Ora le ricerche sono concentrate sui canali di ricettazione, mentre per Buono le accuse sono di evasione, scippo, rapina e, appunto, ricettazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento