menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il giovane sarà giudicato per direttissimo al tribunale di Lecco

Il giovane sarà giudicato per direttissimo al tribunale di Lecco

Merate: signora truffata da un falso rappresentante della Folletto

A Merate 32enne deruba una signora fingendosi un rappresentante della Folletto e si da alla fuga. I carabinieri lo trovano e recuperano la refurtiva

Nel tardo pomeriggio di mercoledì 23 aprile i carabinieri del Radiomobile di Merate hanno tratto in arresto per furto in abitazione G.C., pregiudicato 32enne di Casatenovo. Alle ore 17.30 circa infatti giungeva richiesta di intervento dai residenti di una abitazione sita in via De Gasperi di Merate dove un individuo introdottosi fraudolentemente qualificandosi come rappresentante della “Folletto” approfittando di un attimo di distrazione della proprietaria, una signora 69enne, rubava dalla sua borsa il portafoglio allontanandosi immediatamente.

La vittima si è accorta subito della manomissione della borsa rincorrendo il giovane per le scale mentre lo stesso si stava dando alla fuga e negando quanto contestatogli. Poco dopo è giunta una pattuglia di carabinieri del radiomobile di Merate che è riuscita a bloccare il giovane, che nel frattempo era stato raggiunto anche dalla vittima e da un vicino. Gli inseguitori lo avevano rivisto infatti transitare a piedi nei pressi della loro abitazione e lo avevano fermato contestandogli di nuovo il furto anche se lo stesso ha continuato a negare insistentemente sostenendo che era li per fare jogging.

Prelevato dai carabinieri, il giovane, dopo le prime reticenze, ha confessato il furto dando indicazioni di dove aveva gettato in un dirupo il portafogli contenente i documenti personali della signora, mentre in dosso gli sono stati rinvenuti 20 euro che lo stesso aveva prelevato dal portafoglio prima di sbarazzarsene. 

Mentre la refurtiva veniva restituita alla legittima proprietaria, i carabinieri, perlustrando ancora la zona boschiva adiacente al punto dove il giovane era stato fermato, hanno rinvenuto una cartelletta contenente degli opuscoli della “Folletto” che il giovane aveva utilizzato per fingersi rappresentante della omonima ditta.

Al termine degli accertamenti il pregiudicato è stato dichiarato in arresto ed è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della caserma in attesa del rito direttissimo fissato per giovedì 24 aprile presso il tribunale di Lecco. Saranno svolti ora ulteriori accertamenti per appurare se l’arrestato possa aver messo a segno ulteriori colpi con la stessa tecnica risultatagli fatale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento