menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Metastasi", richiesti 130 anni di carcere per gli imputati

Pene severe chieste dal pm al termine della requisitoria di martedì mattina

Oltre centotrenta anni di carcere: a tanto ammonta la somma delle pene richieste dal pm nei confronti dei 17 imputati per il processo "Metastasi" al termine della lunga requisitoria pronunciata durante l'udienza di oggi 9 febbraio.

Richieste di condanna severe, a partire da quella a 20 anni di reclusione per il presunto capo della locale, Mario Trovato. Richiesta pesante anche per Marco Rusconi, ex sindaco di Valmadrera scarcerato prima dell'inizio del processo: per lui il pubblico ministero ha chiesto 8 anni di carcere. Per i figli di Trovato, accusati  di intestazione fittizia e riciclaggio, la richiesta è stata di 4 anni per Rolando 6 anni, per Giacomo 5 anni, per Stefania Shanna e Franco 4 anni. Tre anni sono stati richiesti per la compagna di Mario Trovato, Alexandra Ivashkova.

Queste invece le richieste di condanna per gli altri imputati: 14 anni per Antonello Redaelli, 13 anni e 10.500 euro di mulita per Antonino Romeo, la stessa crifra e 12 anni di reclusione per Massimo Nasatti, 11 anni per Saverio Lilliu, 7 anni di carcere per Claudio Crotta e Gaetano Mauri (per quest'ultimo anche 9mila euro di multa), 5 anni per Claudio Bongarzone, 4 anni per Gianguido Mazza e Alessio Ghislanzoni (qui si aggiungono 5mila euro di multa), e 3 anni e 9mila euro di multa per Gilvana Goncalves. A tutto questo va ad aggiungersi una provvisionale di 125mila euro per il Comune di Lecco, parte civile nel dibattimento. La sentenza è prevista per fine mese. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazione anti-covid, da giovedì possono prenotarsi 22mila lecchesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento