menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ester Zambetti è morta a 82 anni.

Ester Zambetti è morta a 82 anni.

Si è spento il sorriso di Ester, un simbolo di Monte Marenzo

Il paese piange Zambetti, per oltre 20 anni impegnata in parrocchia. Lunedì 20 maggio i funerali

Monte Marenzo piange Ester Zambetti, per oltre 20 anni impegnata in parrocchia e volto simbolo del paese. Braccio destro dell'ex parroco don Renato, sempre sorridente e disponibile, la donna è venuta a mancare a 82 anni mentre si trovava ospite all'Opera Pia Piccinelli di Scanzorosciate.

I funerali verranno celebrati lunedì 20 maggio alle ore 15 nella chiesa di Fiorano al Serio. In queste ore si susseguono le attestazione di cordoglio e i ricordi commossi da parte di tanti cittadini di Monte Marenzo che hanno conosciuto Ester, apprezzando l'opera che per tanti anni la donna aveva portato avanti nella parrocchia e nel tessuto sociale del paese. Tra questi ricordi, riportiamo quello di Angelo Fontana della Polisportiva di Monte Marenzo.

La Valle San Martino piange la centenaria Vittoria, madrina degli alpini

«Ester Zambetti era una donna brava e simpatica a tutti - ricorda Fontana - è stata a Monte Marenzo per oltre 20 anni. Lei mi chiamava il signor Angelo. Si era unita ai nostri corsi di ginnastica negli anni Novanta. Dopo aver chiesto il via libera a don Renato, aveva indossato la tuta e via, nella palestrina scolastica si era subito creata un'atmosfera bellissima per anni, andava molto d’accordo con l’insegnante e con tutte le partecipanti al corso, in modo particolare con mia mamma Pierina, sia nelle battute che in altre attività, a partire dalla passione per i fiori e per l’orto. Ester era amante dei gerani, mia mamma delle rose. Ester abbelliva i balconi della canonica, entrambi facevano a gara per fare addobbi per la festa della Madonna del Rosario e di San Paolo.
Inoltre Ester cantava nella corale parrocchiale, realizzava bellissimi presepi ogni anno per la mostra natalizia, sosteneva sempre i diversi progetti dei ragazzi del Cre in oratorio. Seguiva tutte le sfide del palio, lei faceva parte della contrada dell’Airone - conclude Angelo Fontana - La ricorderemo sempre con tanto affetto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento