Cronaca

Morte Pischedda: risvegliato dal coma il moldavo

I medici del "Manzoni" di Lecco hanno diminuito la sedazione, ma Florea Veaceslav, 25 anni, non ha proferito parola

Florea Veaceslav, il moldavo di 25 anni coinvolto nella fatale collutazione che ha ucciso Francesco Pischedda, agente scelto della Polstrada, ha riaperto gli occhi, dopo 11 giorni di coma, ma non è stato in grado di parlare.

Al giovane, ricoverato con fratture alle gambe ed altri traumi al "Manzoni" di Lecco, i medici della rianimazione hanno, infatti, diminuito la sedazione, ma gli agenti della Polizia dovranno attendere ancora a lungo per interrogarlo e provare a ricostruire la dinamica della tragedia, di quel "volo" dal cavalcavia che non ha lasciato scampo a Pischedda, ed individuare i complici, ancora in fuga.

Florea Veaceslav rimane, così, piantonato in ospedale, 24 ore su 24.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte Pischedda: risvegliato dal coma il moldavo

LeccoToday è in caricamento