Tragedia a Ballabio: investito da un'auto, muore Giuseppe Pedrazzoli

Il terribile impatto non ha lasciato scampo al malcapitato

Giuseppe "Pino" Pedrazzoli, investito e deceduto questa mattina a Ballabio

E' deceduto per le ferite riportate un uomo di Ballabio, investito sulla Strada Provinciale 62 da una macchina che l'ha travolto all'altezza del mercato agricolo del comune lecchese. Intuile l'intervento dei soccorsi arrivati dal capoluogo sui mezzi di Lecco Soccorso e dei Vigili del Fuoco; nonostante le cure prestate, infatti, l'uomo è spirato sul posto.

Il sinistro

Poco prima delle 11 il malcapitato è stato investito da un'autovettura: si tratta di Giuseppe Pedrazzoli, pensionato ed ex consigliere comunale che ha la sua residenza in paese. L'urto con il mezzo, violentissimo, non gli ha lasciato scampo e sono state purtroppo inutili le operazioni di primo soccorso. Nel sinistro è stato coinvolto anche un secondo pedone, che ha ricevuto le cure dei medici e non è in pericolo di vita.

La dinamica è abbastanza chiara: i due stavano camminando su un marciapiede a lato della strada quando sono stati investiti dalla vettura, condotta da un anziano. Sul posto si è portato anche il sindaco di Ballabio Consonni, scossa per quanto accaduto, oltre a una pattuglia della Polizia Locale; i vigili stanno gestendo l'intricata situazione legata al traffico viabilistico.

La vittima

Molto conosciuto in paese, Giuseppe "Pino" Pedrazzoli era stato eletto nel 2010 come consigliere del comune di Ballabio dalla lista civica. Morbegnese di nascita, 67 anni, si era distinto per la sua costante attività nello sport e nella Calcio Lecco 1912, di cui era un fervido sostenitore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Coronavirus, la Lombardia chiede la zona arancione dal 27 novembre

  • «Ho investito in sport e prevenzione, sbagliato il lockdown nei confronti di attività come la mia»

  • Controlli anticovid nel Lecchese: due esercizi lecchesi vengono chiusi, nove i cittadini sanzionati

Torna su
LeccoToday è in caricamento