rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Cordoglio / Valmadrera

Chiesa in lutto: è morto monsignor Luigi Stucchi

Il vescovo ausiliare emerito della Diocesi ha iniziato la propria attività a Valmadrera negli Anni Settanta: era cittadino onorario

Lutto per la morte di monsignor Luigi Stucchi. L'ecclesiastico, vescovo ausiliare emerito della Diocesi, si è spento alle 4 di questa notte all’ospedale San Raffaele di Milano. Nato a Sulbiate (Milano) il 17 agosto 1941 e ordinato presbitero il 28 giugno 1966, svolse le prime esperienze come vicario parrocchiale a Valmadrera e Lecco. Qui, dal 1973 al 1986, ha ricoperto anche la carica di direttore del settimanale cattolico “Il Resegone”. Dal 1986 al 2003 è stato parroco a S. Stefano Protomartire di Tradate (Varese) e dal 1989 al 2003 decano del decanato Tradate.

Nominato nel 2003 e fino al 2012 vicario episcopale della Zona II (Varese), monsignor Stucchi è stato ordinato vescovo ausiliare della Diocesi il 5 giugno 2004. Da quello stesso anno, e fino al 2022, è stato presidente dell’Istituto Superiore di Studi Religiosi Beato Paolo VI, presso Villa Cagnola a Gazzada Schianno (Varese), dove risiedeva dal 2012. Ha ricoperto inoltre vari incarichi come vescovo delegato per la Conferenza episcopale lombarda negli ambiti della pastorale scolastica, della scuola cattolica e della formazione permanente del clero. Tra i suoi ultimi incarichi diocesani, dal 2012 al 2020, quello di vicario episcopale per la vita consacrata. Il 30 aprile 2020 è divenuto vescovo emerito.

I funerali verranno celebrati nel Duomo di Milano venerdì 23 dicembre, alle ore 10, presieduti dall’Arcivescovo. Alle 15 si svolgerà una seconda celebrazione a Tradate, nel cui cimitero la salma verrà tumulata. Sempre a Tradate nella chiesa parrocchiale Santo Stefano, sarà aperta da domani pomeriggio la camera ardente.

“Con la morte di monsignor Luigi Stucchi perdo un collaboratore prezioso - lo ricorda monsignor Delpini all'Adnkronos -: ha vissuto tutta la sua vita con la dedicazione al servizio della Chiesa di Milano, con un impegno che è stato apprezzato dai miei predecessori. Per me è stato particolarmente importante per la pronta disponibilità a condividere la sua esperienza, la sua sapienza spirituale, la conoscenza delle persone: insomma il frutto di una vita, offerto in dono per il mio servizio alla Chiesa Ambrosiana. Riceva ora il premio d’amore dal Signore che ha amato e da tutte le persone che lo hanno avuto amico, maestro, guida”.

Rusconi: “L'esempio ci sostenga”

“Questa mattina ci ha colti improvvisamente di sorpresa la notizia della scomparsa del Vescovo Luigi Stucchi, per tutti i valmadreresi don Luigi, giovane sacerdote a Valmadrera dal 1966 al 1973, cittadino onorario dal 2009. Oltre a sottolineare il dolore e la partecipazione di tutta la comunità di Valmadrera, è stato per me e per tanti di noi, ragazzi e giovani di allora, una guida non solo spirituale, senza dimenticare i quattordici anni come direttore del settimanale cattolico "Il Resegone", ambito che tra l’altro ha rappresentato il mio primo "lavoro". Proprio alla sua attività di giornalista, ai suoi articoli soprattutto a difesa della vita, era uscito negli anni scorsi un bel libro "Per la vita sempre", simbolo di una fede limpida ma sempre aperta al dialogo, come nella lunga telefonata di circa un mese fa, sereno nell’ affrontare le prove della malattia, come può esserlo solo chi ha la certezza della verità. È stato molto presente e vicino nei momenti di dolore alle persone che aveva conosciuto a Valmadrera, individuando sempre le caratteristiche del bene che ognuno, nel suo ruolo, aveva fatto, per cui era diventata tradizionale l’incontro e la visita per le feste natalizie e per il suo compleanno, il 17 agosto. "Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio", recita il Libro della Sapienza: se oggi ci sentiamo tutti più soli, sappiamo però anche che continuerà a guidarci con una vita che è stata Parola. Dice un bel verso di Alda Merini: "Non scongiurare la morte/ di lasciarlo qui sulla terra: egli ha già sentito il profumo di Dio, lascialo andare nei suoi giardini"”, lo ricorda invece Antonio Rusconi, sindaco di Valmadrera, città dov'è tornato spesso nel corso della sua vita.

Il ricordo di Gattinoni

“Desidero ricordare con gratitudine la disponibilità, l’impegno e la dedizione con i quali Mons. Luigi Stucchi svolse il suo incarico per ben 13 anni nella nostra città mettendo a disposizione le sue doti umane per rilanciare lo storico settimanale quale strumento di comunicazione culturale e sociale ma soprattutto di dialogo pastorale” , il ricordo di Mauro Gattinoni, sindaco di Lecco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiesa in lutto: è morto monsignor Luigi Stucchi

LeccoToday è in caricamento