menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Neonato deceduto a 28 giorni, cinque persone iscritte nel registro degli indagati

Dopo il decesso del piccolo si indaga per omicidio colposo, oggi l'autopsia

Sarebbero in cinque ad aver ricevuto un avviso di garanzia per omicidio colposo dopo la morte del piccolo L., deceduto a Ballabio a soli 28 giorni di vita lo scorso 15 ottobre: si tratterebbe dei genitori del piccolo e di tre sanitari dell'ospedale Manzoni di Lecco.

La loro iscrizione nel registro degli indagati è un atto dovuto che permetterebbe anche di nominare dei consulenti, presenti all'autopsia che verrà eseguita sulla salma del piccino, oggi 3 novembre, effettuata dall'anatomopatologo con la collaborazione di un radiologo e un neonatologo incaricati dal magistrato.

Alla morte del piccolo, il mese scorso, si era inizialmente pensato a un altro caso di morte in culla o "sindrome della morte improvvisa del lattante", fenomeno inspiegabile che colpisce i bambini nel primo anno di vita. Ipotesi poi scartata quando è emerso che il neonato era stato portato al Manzoni già qualche giorno prima del suo decesso. Per fare chiarezza sulla vicenda è stato quindi aperto un fascicolo dalla Procura di Lecco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento