menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"No" ai soldi per la Lecco-Bergamo: la Lega Nord scende in strada

I rappresentanti cittadini del Carroccio hanno organizzato un flash mob per la serata di lunedì 11 dicembre

Un flash mob per protestare contro il "no" pronunciato dal Governo nei confronti dell'emendamento proposto per lo stanziamento di nuovi contributi statali in favore del completamento della nuova Lecco-Bergamo. E' l'evento organizzato dai rappresentanti della Lega Nord di Lecco nei pressi del cantiere di Chiuso.

La nota della Lega Nord

Dopo la bocciatura di due emendamenti proposti dal Senatore Arrigoni alla legge di bilancio, la maggioranza di Governo ha dato un nuovo schiaffo allo sviluppo di un’infrastruttura fondamentale per il nostro territorio come la Lecco-Bergamo. Governo che è bene ricordare di stampo PD, stesso colore politico del Presidente della Provincia di Lecco, del Sindaco di Lecco e del Sindaco di Calolziocorte, oltre che dei parlamentari locali on Fragomeli e On Virginia Tentori, esponenti politici che parlano e promettono sul territorio, e interrogano il Governo, quasi  fossero esponenti di minoranza e non come invece sono della stessa maggioranza PD. 

Ci preoccupano le affermazione del Sen Arrigoni l’indomani della bocciatura :” Negando i 9 milioni mancanti sul II lotto S. Gerolamo hanno condannato il cantiere dei lavori a rimanere bloccato ancora per lungo tempo, nonostante Regione Lombardia abbia già stanziato risorse equivalenti per coprire il quadro economico dell’opera! L’indifferenza romana alla riqualificazione della Lecco-Bergamo è stata poi confermata respingendo la richiesta dei 40 milioni necessari a realizzare il III lotto 'Lavello' che insiste interamente sul comune di Calolziocorte, opera anch’essa indispensabile e da lunghi anni autorizzata dal CIPE”.

Per questo motivo è intenzione della Lega Nord tenere alta l’attenzione verso quest’opera  e lo faremo lunedi sera radunadoci in zona Chiuso di Lecco, nelle vicinanze del cantiere, sia per dimostrare la nostra vicinanza ai residenti della zona, da troppo tempo prigionieri nel cantiere, ma soprattutto per sollecitare le istituzioni affinché venga trovata una soluzione definitiva, quanto prima, per il completamento di questa arteria che riguarda una delle strade più trafficate del nostro Paese.

La Lega Nord vuole dire basta allo scontro politico, e un si alla collaborazione per trovare una soluzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento