menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Locandina "Belle e Sebastien" (anno 2013)

Locandina "Belle e Sebastien" (anno 2013)

Oggiono, "Cinema sotto le stelle" : al via con "Belle e Sebastien"

L'incontro tra Natura e Umanità. La storia di una amicizia proibita. Sullo sfondo le Alpi francesi e le tensioni drammatiche della seconda guerra mondiale.

Venerdì 8 agosto, alle ore 21, in piazza Manzoni ad Oggiono partirà la rassegna estiva di “Cinema sotto le stelle”, iniziativa organizzata dal Comune che animerà a cadenza settimanale le sere del cuore cittadino del centro storico oggionese.
Ad aprire gli appuntamenti sarà “Belle e Sebastien”, regia di Nicolas Vanier, la storia dell'amicizia tra un bambino e un patou, il cane da montagna dei Pirenei, tratta dai racconti di Cécile Aubry e resa celebre in Italia negli anni Ottanta dall'omonimo cartone animato (chi, tra i nostri lettori più “grandi”, non si ricorda “Canta con noi, meglio che puoi, canta insieme a noi viva viva i nostri eroi, viva Belle e Sebastien” ?).
In un piccolo paese abbarbicato sullo scenario mozzafiato delle Alpi, ai tempi della seconda guerra mondiale, nasce un profondo legame tra Sebastien (interpretato dall'esordiente Félix Bossuet), un orfano adottato da nonno Cesàr e isolato dagli altri bambini, e Belle, una splendida esemplare di patou, ritenuta da tutto il villaggio la Bestia che attacca e uccide le greggi. Saranno proprio questa amicizia proibita e questo incontro tra l'innocenza dell'Umanità e quella della Natura a spazzare via poco alla volta le ombre della paura e del pregiudizio, rivelando quanto di buono ci può essere nella dura legge della montagna, o nel carattere di un cane reso selvaggio dalle violenze degli uomini, o nell'animo di un uomo, anche in quello che riteniamo nostro nemico.
In Italia “Belle e Sebastien” ha incassato nei primi quattro giorni di rappresentazione oltre due milioni di euro, piazzandosi al primo posto nel box office.

Due curiosità: il film è ambientato nei Pirenei, ma in realtà è stato girato nella regione della Savoia; uno dei bellissimi patou ammaestrati per interpretare Belle si chiama Fripon, è un maschio ed è italiano. 
In caso di pioggia le proiezioni verranno effettuate presso il Palabachelet.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento