Cronaca

I volontari di OIPA Lecco in soccorso degli animali terremotati

«C'è molta solidarietà da parte di tutti e arriva materiale da tutta Italia, ma mancano volontari».

I volontari di OIPA della provincia di Lecco - nei giorni scorsi - hanno raggiunto le Marche, per aiutare i "colleghi" della sezione di Macerata, impegnati, nel dopo-sisma, a soccorrere ed aiutare gli animali delle zone terremotate.

«Il nostro lavoro - racconta Fabio Spatola, delegato di OIPA Lecco - è consistito nel rispondere a segnalazioni di animali vaganti o dispersi e recuperare gli animali che erano rimasti nelle case, abbandonanti dai proprietari fuggiti per mettersi al sicuro».

«Abbiamo perlustrato i paesi della zona rossa, accompagnati spesso dai Vigili del Fuoco, tra i quali Visso, Ussita e Pieve Torina, che sono a pochissimi minuti da Castelluccio di Norcia, ancora è irraggiungibile».

«I piccoli borghi, ormai distrutti ed abbandonati, presentano parecchie colonie feline di cui nessuno più si occupa, a cui abbiamo portato cibo. Abbiamo trovato cani in giardini da 2 settimane senza cibo nè acqua, recuperato e consegnato cani e gatti, che si erano perduti, ai proprietari, verificato lo stato di animali da reddito e inviato veterinari dove bisogno».

«C'è molta solidarietà da parte di tutti e arriva materiale da tutta Italia, così come dalla provincia di Lecco. Il vero problema - conclude Spatola - è che mancano volontari. Le ragazze del posto non riescono a fare tutto da sole e ci sono ancora molti casi da verificare e animali dispersi e da censire».

Per contribuire con materiale o in qualità di volontario nelle zone colpite dal sisma può contattare Fabio Spatola (lecco@oipa.org) o Giulia Tonini (vice-lecco@oipa.org).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I volontari di OIPA Lecco in soccorso degli animali terremotati

LeccoToday è in caricamento