menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli anticovid, a Olginate due bar e sette clienti sanzionati per 3.600 euro

La Polizia locale è intervenuta anche a seguito delle segnalazioni di alcuni cittadini. Gli esercenti ospitavano gli avventori all'interno dei locali senza limitarsi all'asporto. 400 Euro di multa ciascuno e almeno 5 giorni di chiusura per le attività

Tra ieri e oggi la Polizia locale di Olginate ha sottoposto a controlli cinque bar ed esercizi pubblici del paese per verificare il rispetto delle normative anticovid. Tre di essi erano in regola, mentre altre due attività di somministrazione di cibo e bevande sono risultate non rispettose delle disposizioni contenute nei Dpcm.

Nonostante ci fosse solo la possibilità di asporto e consegna a domicilio, alcuni clienti sono stati trovati intenti a bere a a consumare all'interno dei due bar. Sono così scattate sanzioni da 400 a mille Euro per ciascuno dei sette avvenitori e per i due titolari: in totale 3.600 Euro di sanzioni. Le attività sono poi state chiuse con segnalazione alla Prefettura di Lecco, alla quale toccherà ora stabilire se la chiusura durerà cinque o più giorni, fino a un massimo di trenta. 

Mattarella ha premiato Popia, per molti anni residente a Olginate e anima dell'Aido

Ad entrare in azione, secondo le direttive del comandante Matteo Giglio, sono stati il vice Marco Maggio e i colleghi Francesco Carroccio e Fabrizio Malighetti. 

«Da inizio pandemia abbiamo effettuato diversi controlli sul territorio olginatese e nel complesso i cittadini e le persone sottoposte a verifiche si sono dimostrate rispettose delle regole - ha precisato il vicecomandante Maggio - Ieri e oggi siamo poi intervenuti per verificare la situazione all'interno di cinque attività di somministrazione di cibo e bevande, e due di esse non sono risultate in regola rispetto alla possibilità del solo asporto o della consegna a domicilio di prodotti. Questi controlli sono stati avviati anche a seguito delle segnlazioni arrivate da parte di alcuni cittadini e di altri esercizi commerciali che stanno invece rispettando le regole. Va detto che una volta scoperti e sanzionati, anche i diretti interessati hanno capito di aver sbagliato».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento