Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Omicidio di Cinisello Balsamo: arrestato a Lecco uno degli assassini. Era pronto alla fuga

Due giovani sono stati fermati dai carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni al termine delle indagini per far luce sull'assassinio di un connazionale 29enne

 

E' stato arrestato a Lecco, dov'era ospitato da alcuni amici, il 23enne ritenuto uno dei due presunti colpevoli dell'omicidio commesso a Cinisello Balsamo nella notte tra sabato 11 e domenica 12 marzo (la notizia su MilanoToday.it). I carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni questa mattina hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto e trasferito presso il carcere di Monza i due marocchini, di 21 e 23 anni, irregolari sul territorio nazionale poiché ritenuti responsabili dell'omicidio di un connazionale 29enne.

Arrestati i colpevoli dell'omcidio di Cinisello: la notizia su MilanoToday.it

L'arresto è arrivato alla fine delle indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Monza, avviate il 12 marzo scorso dopo il rinvenimento di un in fin di vita del giovane marocchino. La vittima era stata trasportata presso l’Ospedale "San Gerardo" di Monza, dove però era deceduta poco dopo a causa di una profonda ferita da taglio al collo. L’attività investigativa ha consentito di recuperare la presunta arma del delitto, un coltello con lama di circa 20 centimetri, occultato in un cespuglio a poca distanza dal luogo dei fatti, e di giungere rapidamente all’identificazione degli autori dell’aggressione, avvenuta al culmine di un’accesa discussione per futili motivi, legati a una difficile convivenza nella stanza di fortuna che condividevano e accentuata dallo stato di ebrezza alcolica.

I due autori sono stati rintracciati e bloccati rispettivamente a Parabiago e a Lecco, dove avevano trovato riparo dopo l’omicidio e da dove si stavano organizzando per fuggire all’estero.

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento