menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Criticità nel reparto radiologia del Manzoni

Criticità nel reparto radiologia del Manzoni

La radiologia del Manzoni riduce la normale attività delle prestazioni

Il reparto di readiologia del Manzoni assicura totalmente le prestazioni per i pazienti ricoverati in reparto e in pronto soccorso e per tutte le urgenze che si verificheranno, le altre prestazioni verranno ridimensionate

La concomitanza di più situazioni non previste (recenti dimissioni da incarichi, congedi per gravidanza, assenza per infortuni a lunga risoluzione e malattie), nonché l’avvicinarsi del periodo estivo, sta comportando più di una criticità nell’attività della struttura di radiologia dell’ospedale Manzoni di Lecco.

L’azienda ospedaliera ha deciso, così, di rimodulare complessivamente l’erogazione delle prestazioni radiologiche che subiranno, inevitabilmente, una riduzione temporanea dei consueti volumi di attività per gli utenti esterni. Naturalmente verranno garantite totalmente le prestazioni per i pazienti ricoverati in reparto e in pronto soccorso e per tutte le urgenze che si verificheranno.

La criticità è stata comunicata sia all’Asl che alla Regione, specificando che la riduzione (di circa il 50%) dell’attività ambulatoriale per gli utenti esterni interessa , in particolare le seguenti prestazioni: radiologia scheletrica tradizionale, ecografia, diagnostica gastroenterologica, mammografia ed eco-mammaria (solo ad agosto) e Tac (solo parzialmente).

Per contenere il più possibile la durata del periodo critico, l’azienda ospedaliera si è già mossa richiedendo a Regione Lombardia l’anticipo di “deroga su un posto a tempo determinato per la tempestiva copertura di uno dei posti vacanti” e, contestualmente, è stato deciso di bandire a luglio , non appena si concluderanno gli esami delle scuole di specializzazione, due incarichi a tempo determinato: tale tempistica è condizionata dal fatto che precedenti bandi per supplenze sono andati deserti per la difficoltà di trovare specialisti disponibili.

L’azienda ospedaliera si scusa con l’utenza esterna per i possibili disagi e per l’inevitabile allungamento dei tempi di attesa , ma la rassicura sulla assoluta temporaneità della situazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Le migliori stazioni ferroviarie d'Italia

  • social

    Una nuova truffa per gli utenti di Whatsapp

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento