Non rispetta l'ordinanza di chiusura per il Coronavirus: stop a una palestra in città

Intervento della Guardia di Finanza in città: l'attività non ha rispettato l'obbligo di sospensione imposto per l'emergenza Covid-19. Titolare denunciato al Giudice di Pace

Non rispetta l'ordinanza di chiusura per il Coronavirus: stop a una palestra in città. A seguito dell'entrata in vigore del Decreto Legge nr. 6 del 23 febbraio scorso, recante misure urgenti per evitare la diffusione del Covid-19, la Guardia di Finanza, previo coordinamento con la locale autorità prefettizia, ha intensificato il presidio, sia sul territorio che sul web, volto a contrastare l'inottemperanza delle misure finalizzate al contenimento della diffusione del virus e i fenomeni di illegalità attinenti ad aumenti di prezzi e condotte speculative su dispositivi di protezione, generi di prima necessità e medicinali.

La Regione precisa: «Bar e pub aperti dopo le 18, ma solo con servizio al tavolo»

In tale contesto, una pattuglia delle Fiamme gialle del Gruppo Lecco, in servizio di controllo economico del territorio, ha sorpreso in città una palestra che consentiva ai propri iscritti di allenarsi liberamente, in totale contrasto con quanto imposto dalle autorità competenti, ovvero, la sospensione di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere sportivo e anche se svolto in luoghi chiusi aperti al pubblico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, ordinanza regionale: chiusi gli Istituti d'istruzione, coprifuoco per i locali notturni

È scattato quindi l'intervento dei finanzieri che hanno intimato al rappresentante legale della palestra, un trentatreenne di Barzio, l'immediato stop dell’attività; successivamente, i militari hanno denunciato lo stesso al Giudice di Pace per l'inosservanza di un provvedimento per ragioni d'ordine pubblico o d'igiene, previsto e punito dall'art. 650 del Codice penale con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda fino a 206 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Comunali di Lecco: si va al ballottaggio, a inizio ottobre il nuovo sindaco della città

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati», ristoratori egiziani devolvono nuovamente il loro incasso all'ospedale

  • Olginate: trovato in fin di vita, ciclista muore lungo l'alzaia

  • Elezioni 2020, rese note le preferenze: Antonio Rossi il più votato, Bonacina ancora "top" tra le donne

  • Un panino di due metri e un "bollicine" di 9 litri, festa a San Giovanni per il barista Willy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento