Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Via Emanuele Vittorio Parodi, 63/67

Cofondatore della Moto Guzzi ritratto con «divisa fascista», scoppia la polemica

L'Anpi attacca la scelta del Comune di Genova di immortalare la statua di Giorgio Parodi con l'uniforme della Regia Aeronautica in cui prestò servizio. «Partecipò ai bombardamenti di civili». Sui social si accende il dibattito

Il monumento a Giorgio Parodi (da Genova Today)

Fa discutere in questi giorni la scelta dell'Amministrazione di Genova di celebrare Giorgio Parodi, aviatore e cofondatore della Moto Guzzi nel 1921 insieme a Carlo Guzzi. Parodi, nella statua, è ritratto con la divisa dell'allora Regia Aeronautica in cui militò prima e durante il regime fascista. L'Anpi di Genova ha riservato all'iniziativa un duro attacco.

«Ci ha lasciato sconcertati la scelta del Comune di Genova, condivisa anche dal presidente della Regione Toti, sostenuti addirittura nell'organizzazione della cerimonia inaugurale dalla presenza delle Frecce Tricolori simbolo della Repubblica, di voler celebrare Giorgio Parodi, aviatore e imprenditore - scrive in un comunicato l'Anpi di Genova - E, guarda caso, per ricordare le sue capacità imprenditoriali, lo si immortala con un monumento in cui viene ritratto in divisa. Quella con la quale lui, da volontario, partecipò ai bombardamenti di inermi popolazioni civili, tra cui donne e bambini, durante le cosiddette guerre coloniali volute da Mussolini, invasioni di terre come l'Etiopia e l'Eritrea». 

La notizia su Genova Today

Il dibattito sull'opportunità di ritrarre in questa veste il cofondatore dell'azienda dell'Aquila (che prestò servizio come aviatore in Aeronautica dal 1914 al 1945) infiamma il web e i social. Sono decine i post nei quali si parla di questa vicenda, così come i gruppi: un'accesa discussione, ad esempio, è nata su "Guzzisti italiani", dove alcuni criticano la scelta di non ritrarlo in sella a una moto, altri si concentrano sull'«inutile revisionismo», altri ancora ricordano che «Giorgio fu eroe anche nella prima guerra mondiale e la Guzzi nacque nel 1921».

Giova ricordare, nell'anno del Centenario della Moto Guzzi, che venne fondata su volontà di Parodi e Guzzi per onorare la memoria dell'amico pilota Giovanni Ravelli, scomparso due anni prima in un incidente aereo. Da qui anche la scelta dell'aquila nel simbolo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cofondatore della Moto Guzzi ritratto con «divisa fascista», scoppia la polemica

LeccoToday è in caricamento