menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pasqua, cinque patenti ritirate nel fine settimana

A Malgrate inseguimento tra poliziotti e motociclista: oltre al tasso alcolemico fuori dai limiti del giovane alla guida, il veicolo era senza assicurazione

Cinque patenti ritirate nel fine settimana pasquale. E' questo il risultato dell'intensa attività di vigilanza stradale condotta nel weekend appena concluso sulla viabilità provinciale. Con la collaborazione degli operatori della Polizia stradale di Lecco e della sottosezione di Bellano, nella sola giornata di Pasqua ben 10 pattuglie hanno fermato e controllato ben 96 veicoli e di 106 persone trasportate.

Durante le stesse operazioni, altri 5 conducenti sono stati sanzionati con il ritiro della patente per violazione dei limiti alcolemici (il limite legale è di 0.50 grammi per litro); la violazione più elevata corrispondeva a 2.73 grammi per litro, non lontano dalla soglia clinica che può causare il coma etilico.

Nella sera di Pasqua, la pattuglia in transito nel territorio al confine tra Malgrate e Valmadrera, ha notato  un motoveicolo condotto da un soggetto noto alle forze di polizia per le numerose violazioni anche di tipo penale. Per sfuggire al controllo, il motoveicolo si è dato a una precipitosa fuga costringendo i militari ad un rapido inseguimento terminato tra i palazzi della frazione Porto di Malgrate, dove il giovane ha tentato di nascondersi.

Al momento della verifica, il veicolo è risultato sprovvisto di copertura assicurativa ed il conducente, con numerosi precedenti, positivo alla misurazione alcolemica con il valore di 2.24 grammi per litro. Le sanzioni contestategli comprendono il sequestro del veicolo per la mancanza di assicurazione e per la guida in stato di ebbrezza, per di più senza casco, la fuga, la violazione delle indicazioni semaforiche,la guida a velocità ed altre contravvenzioni meno rilevanti. La pratica relativa alla segnalazione per l’elevato tenore alcolemico seguirà l’iter prescritto con l’invio della documentazione all’ autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento