menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal 27 ottobre il passaporto arriva a casa, grazie a un accordo fra Polizia e Poste italiane

Al momento della domanda di rilascio o di rinnovo, il cittadino potrà chiedere la consegna del documento a casa o sul luogo di lavoro.

Novità in arrivo dal 27 ottobre per chi fa richiesta del passaporto: grazie a una convenzione tra il Dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell’interno e Poste italiane, sarà possibile riceverlo direttamente a casa oppure in ufficio, senza doverlo andare a ritirare necessariamente negli uffici della Polizia di Stato.


L’accordo, sottoscritto dall’Aamministratore delegato di Poste italiane, Francesco Caio, e dal Capo della Polizia, Prefetto Alessandro Pansa, è il risultato del protocollo d’intesa siglato tra le parti che prevede l'erogazione di servizi avanzati ai cittadini tramite procedure che migliorino l’efficienza della Pubblica Amministrazione.


Per la consegna del passaporto, che avverrà su richiesta del cittadino e tramite il servizio (a pagamento) di Posta assicurata, sarà utilizzata una speciale busta.


La richiesta di spedizione, il cui costo sarà pagato solo alla consegna del passaporto, si potrà presentare al momento della domanda di rilascio o di rinnovo, presso gli uffici della Questura o del Commissariato, o ancora presso lo “Sportello Amico” dell’ufficio postale di Lecco Dante situato in via Dante Alighieri 27.


La spedizione, inoltre, sarà tracciabile: la Questura rilascerà un codice identificativo della busta contenente il passaporto che, se inserito nel sito delle Poste, indicherà all'utente lo stato della spedizione e la posizione della busta stessa.


Per maggiori informazioni è possibile visitare sul sito www.poste.it la pagina “Servizi al cittadino” e il sito www.poliziadistato.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento