Cronaca Via Provinciale

Dolzago, trentenne muore folgorato da una scarica elettrica in una fabbrica dismessa

Ancora poco chiare le ragioni per cui si trovasse nella ex Passerini

È morto folgorato da una scarica elettrica nella ex fabbrica Passerini di Dolzago, nella quale si trovava per motivi ancora poco chiari.

Vittima dell'incidente un ragazzo di 30 anni, che nella serata di ieri 26 aprile si era introdotto nel capannone dismesso in compagnia di una seconda persona, per ragioni che i carabinieri stanno verificando.

La tragedia si è verificata intorno alle 22, ora in cui al centralino del 112 è arrivata la chiamata di allarme: giunti sul posto, i soccorritori in ambulanza hanno potuto solo constatare il decesso del 30enne, mentre i carabinieri hanno avviato i necessari accertamenti. Al capannone di via Provinciale sono intervenuti anche i vigili del fuoco, la Polstrada e un tecnico Enel che si è occupato di staccare la corrente in modo da permettere i soccorsi.

Nell'agosto 2014 si era verificato un ritrovamento analogo nella stessa azienda dismessa: alcuni tecnici Enel, giunti all'impianto per un sopralluogo, avevano trovato il corpo di un altro uomo, morto folgorato mesi prima. In quel caso le indagini dei carabinieri avevano permesso di risalire all'identità del deceduto: si trattava di un romeno 46enne con precedenti, probabilmente entrato nel capannone per rubare del rame.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dolzago, trentenne muore folgorato da una scarica elettrica in una fabbrica dismessa

LeccoToday è in caricamento