menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La vite di legno con cui la piccola Sara stava soffocandosi

La vite di legno con cui la piccola Sara stava soffocandosi

Pasturo, bimba di un anno rischia di soffocare con un giocattolo, salvata dalla mamma

La preparazione e il sangue freddo della donna le hanno permesso di praticare sulla bambina la manovra di disostruzione delle vie aeree, evitando il tragico epilogo.

Tragedia evitata lunedì 20 ottobre a Pasturo: una bambina di 14 mesi stava soffocando dopo aver messo in bocca un giocattolo del fratello maggiore, e si è salvata solo grazie alla prontezza di spirito e alla preparazione della mamma.


Quando il fratellino ha chiamato la mamma perché Sara aveva improvvisamente difficoltà a respirare, infatti, la donna ha notato un oggetto nella gola della piccola e ha eseguito immediatamente la manovra di disostruzione delle vie aeree infantili, imparata frequentando uno dei corsi per genitori della Croce rossa di Balisio assieme al padre, che lì opera come volontario.


La manovra è andata a buon fine e la piccola ha espulso subito la vite di legno che le ostruiva la trachea, cavandosela con un grosso spavento, qualche conato di vomito e un giro di controllo al Pronto soccorso.


È proprio il papà della bimba a raccontare l'episodio sulla pagina Facebook della Cri di Balisio: "Sono un Volontario della Croce Rossa Italiana di Balisio. Sono anche padre di 2 figli, uno di sei e una di un anno. Mai avrei immaginato di trascorrere una serata come quella di oggi. ma sono qui a ringraziare mia moglie e gli istruttori colleghi della Delegazione della Valsassina che le hanno trasmesso le manovre di disostruzione pediatrica. Una storia finita a lieto fine stasera grazie al coraggio e alla voglia di mettersi in gioco. Tanto spavento, un giro al PS per qualche controllo e una fotografia all'oggetto che per un fatale destino avrebbe potuto compromettere l'esistenza di mia figlia. Sono qui a raccontarvi un'esperienza che né come Soccorritore 118 e né come padre di famiglia vorrei mai vivere. Il mio invito è quello di mettersi in gioco con le proprie debolezze e il proprio coraggio così come ha fatto mia moglie che ha reagito subito con istintività ma questo agire tempestivo le ha permesso di salvare una vita ... quella di nostra figlia Sara."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento