Deve scontare una pena di 12 anni e 11 mesi: Ivano Perego in carcere a Pescarenico

L'ex patron della "Perego strade" era già in regime di detenzione domiciliare per associazione di tipo mafioso. Ora è esecutiva la condanna in Appello per violazione della normativa sui rifiuti speciali

Trasferito in carcere a Pescarenico per finire di scontare una pena complessiva di 12 anni e 11 mesi di reclusione.

I Carabinieri della stazione di Costa Masnaga hanno tratto in arresto, nella giornata di martedì, Ivano Perego, classe 1972, ex numero uno di Perego Strade e Perego General Contractor, già in regime di detenzione domiciliare per scontare la condanna del giugno 2014 per associazione di tipo mafioso (e altro) nell'ambito dell'indagine "Crimine" coordinata dalla Dda di Milano.

I militari dell'Arma hanno dato esecuzione a un ordine di esecuzione di espiazione di pena detentiva emesso dalla Procura generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Milano, dopo l'esecutività di un'altra condanna, comminata proprio in Appello a Milano, per violazione della normativa sui rifiuti speciali. Perego dovrà così scontare le pene in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lombardia torna in zona rossa, cosa si può fare e cosa no

  • Tragico investimento sulla direttrice Milano-Lecco: la vittima era scomparsa nella mattinata

  • Doppia tragedia sui monti che circondano il Lecchese: morti due uomini a Brumano e sul San Primo

  • Calolzio: scoperta società legata alla malavita, il Prefetto De Rosa la chiude

  • Cadavere nell'Adda: si tratterebbe della donna scomparsa due giorni fa

  • Titolare senza mascherina, clienti all'interno: chiuso bar di Oliveto Lario

Torna su
LeccoToday è in caricamento