menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piano cave, Lecco chiede la fine degli scavi sul Magnodeno

Stop alle estrazioni sul monte, e all'ampliamento della Vaiolo bassa: queste, alcune delle richieste presentate dal Sindaco e dai consiglieri all'incontro con la Commissione regionale ambiente

Ridimensionare la portata degli scavi, riducendo il consumo del suolo, e riqualificare le aree delle cave: queste le direttrici delle richieste che il Comune di Lecco ha presentato nella mattinata di oggi 4 dicembre all'incontro con la Commissione regionale all'ambiente,  in un incontro incentrato sulle modifiche da apportare al piano di sfruttamento delle cave del territorio.

«Le linee di indirizzo formulate e approvate dal Consiglio Comunale vanno in una direzione ben determinata – spiega il consigliere Alberto Invernizzi, presente oggi a Milano con il Sindaco Virginio Brivio, e i consiglieri Antonio Pattarini e Stefano Parolari – Chiediamo lungimiranza, ovvero che si presti particolare attenzione in fase di stesura degli schemi di convenzione, che caratterizzeranno la portata e la bontà degli interventi sul nostro territorio e sulle nostre montagne nei prossimi anni».

Le richieste avanzate dal Comune sono entrate nel merito dei singoli progetti: «Abbiamo chiesto – prosegue Invernizzi - che per la cava del Cornello, piccola, ma distante solo un centinaio di metri dall’Ospedale Manzoni, l’intervento sia rapido e consenta un immediato ripristino. Allo stesso modo abbiamo suggerito di non ampliare la cava del Vaiolo bassa, per non intaccare il territorio con un progetto che andrebbe perfino oltre la durata del Piano cave stesso, e abbiamo insistito per una collaborazione tra i cavatori che ottimizzi lo sfruttamento del suolo».

I delegati comunali hanno chiesto, infine, di interrompere definitivamente le estrazioni di materiale dalle cave del Magnodeno, che per 60 anni hanno inciso addirittura sul profilo idrogeologico del monte, arrivando anche a modificare la portata dei torrenti che scendono dalle sue pendici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento