Cronaca

Pogliani a difesa di piazza Lega lombarda

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

I consiglieri del Comune di Lecco Chirico (Ncd) e Rizzolino (Pd) sostengono che non ci sono ragioni storiche per dedicare una piazza alla Lega Lombarda. Oso dedurre dai cognomi che detti signori non vantino lontane tradizioni prealpine e forse per questo reputino irrilevante quanto avvenuto più di otto secoli fa a Pontida, quindici chilometri a sud di Lecco, dove si disegnò il futuro della Lombardia e non solo.

Posso perdonare la scarsa conoscenza della storia medievale, ma che dire dell'ignoranza di quella contemporanea? Quando la piazza della stazione (toponimo paesano) fu nobilitata, presidente della Provincia era Mario Anghileri, non Virginio Brivio come sostengono i due consiglieri, che dovrebbero avere qualcos'altro di serio di cui preoccuparsi!

E' pur vero che molti, nel linguaggio corrente, utilizzano la vecchia denominazione ferroviaria, ma tutti dicono anche ponte Nuovo e ponte Vecchio. Vorranno i nostri eroi sfrattare John Fitzgerald Kennedy? E il Visconti? Povero Azzone, sarà forse scacciato da qualche cazzone?

Pino Pogliani, lecchese

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pogliani a difesa di piazza Lega lombarda

LeccoToday è in caricamento