Cronaca Via Belfiore

Proseguono a pieno ritmo i lavori per la ristrutturazione dell'ex pizzeria "Wall Street"

Nel pomeriggio di oggi, sabato 21 marzo, i cittadini lecchesi sono stati invitati a visitare il cantiere per i lavori di ristrutturazione dell'ex "Wall Street" di via Belfiore a Lecco, locale sequestrato alla malavita organizzata.

L'ingresso dell'ex Pizzeria Wall Street in via Belfiore a Lecco

Proseguono i lavori di ristrutturazione dei locali dell'ex pizzeria "Wall Street", locale sito in via Belfiore a Lecco, già sequestrato alla malavita organizzata lecchese e che, non appena pronto, diventerà un centro di ritrovo culturale nonchè una nuova "Pizzeria della legalità".

A far visita al cantiere, nel pomeriggio di oggi sabato 21 marzo, sono intervenuti alcuni cittadini lecchese oltre al sindaco di Lecco VIrginio Brivio, il presidente di Aler di Bergamo, Lecco e Sondrio Valter Teruzzi e Mario Romano Negri in rappresentanza della Fondazione Cariplo.

I lavori di ristrutturazione, affidati all'Aler,  stanno interessando la parte esterna che è stata completamente rifatta con delle nuove coibentazioni in quanto da lì partivano delle importanti infiltrazioni nei locali sottostanti. Poi verrà predisposta una copertura dall'ampio spazio antistante all'entrata, mentre all'interno sono stati rifatti i bagni, predisposti dei locali per gli inservienti posti nel piano superiore, allestito uno spazio culturale per incontri conviviali, una nuova cucina, un bar e naturalmente tavoli per i commensali.

Nel piano interrato, a causa della ridotta altezza del soffitto, non si sono potuti allestire dei locali utilizzabili ad uso pubblico e quindi verranno riconvertiti a magazzino o archivio. L'inizio dei lavori è avvenuto lo scorso 7 gennaio, mentre il termine è previsto per il prossimo 6 maggio.

A guidare la visita nei locali sono intervenuti il sindaco di Lecco Virginio Brivio, Mario Romano Negri e la dottoressa Bassani per la Fondazione Cariplo, Valter Teruzzi presidente dell'Aler di Bergamo Lecco e Sondrio ed il vice  prefetto vicario di Lecco Gennaro Terrusi.

"Oggi - esordisce Brivio - siamo qui in questi locali sequestrati alla malavita organizzata per fare un pò il punto della situazione sui lavori di ristrutturazione. Abbiamo scelto proprio questo sabato 21 marzo perchè oggi si festeggia la giornata nazionale della lotta alla mafia. Voglio inoltre ricordare che questo bene è intestato al comune di Lecco ed i fondi necessari per il ripristino di questi locali arrivano per 150.000 euro dalla Fondazione Cariplo di Milano, 100mila li ha messi a disposizione il comune di Lecco".

Il sindaco Brivio spiega poi chi si occuperà della gestione del locale: "La gestione del bene è in carico al comune di Lecco, anche se a tal proposito l'amministrazione comunale aveva pubblicato un bando per l'affidamento gestionale di questo bene, bando che si è chiuso appunto ieri, venerdì 20 marzo, con la presentazione di una sola offerta da parte di un consorzio di tre imprese appartenenti al circuito Arci, di cui due cooperative. Nei prossimi giorni procederemo all'esame di questa offerta per poi procedere, se tutte le carte sono in regola, all'affidamento della gestione".

"Oltre a questo bene - conclude Brivio - a Lecco ve ne sono altri sequestrati alla malavita organizzata e ritornati in possesso alla comunità lecchese come l'appartamento di via Adamello, intitolato all'ex sindaco di Pollica Angelo Vassallo, ed utilizzato come housing sociale temporaneo a favore delle famiglie indigenti della città ed infine l'ex pizzeria Giglio la cui apertura avverrà oggi stesso, sabato 21 marzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proseguono a pieno ritmo i lavori per la ristrutturazione dell'ex pizzeria "Wall Street"

LeccoToday è in caricamento