Cronaca Piazza Stazione

Oltre duemila fermati per i reati commessi sui treni e in stazione: i dati della Polfer

La Specialità è la più antica tra quelle del Corpo della Polizia dello Stato: compie 110 anni. Intensa l'attività svolta nell'anno appena chiusosi

E' stato un anno decisamente intenso per la Polizia Ferroviaria della Lombardia, la più antica Specialità del Corpo della Polizia di Stato con i suoi 110 anni. Gli agenti hanno infatti fermato oltre duemila persone nel corso del 2017 (2.143 per la precisione, 354 i soli arrestati), impegando 29.862 pattuglie in stazione, 8.146 a bordo treno e controllando 19.905 convogli; 64.469 i controlli effettuati nel corso dell'anno da poco conclusosi.

Attenzione anche per quanto riguarda l'attività di contrasto ai furti di rame, con 324 controlli compiuti presso i centri di raccolta e recupero dei metalli; l'attività ha permesso di recuperare circa 700 chilogrammi di lega e di arrestare due persone per i reati commessi; i risultati si sono tradotti in una diminuzione del 15% sui furti di "oro rosso". La Polfer ha poi rintracciato 74 persone (61 minori) sul territorio regionale.

In calo il numero di aggressioni denunciate dal personale ferroviario: 61 nel 2017 contro le 88 denunce del 2016 (-31%). 12 gli incidenti ferroviari che hanno causato una vittime, ma è ancora pratica diffusa quella della poca attenzione prestata dai viaggiatori in prossimità dei binari. Una di queste distrazioni è costata la vita al giovane Yuri, investito da un mezzo in corsa.

Come di consueto, l'attività svolta dalla sola Polizia Ferroviaria di Lecco verrà illustrata nella conferenza stampa tenuta dal Corpo lecchese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre duemila fermati per i reati commessi sui treni e in stazione: i dati della Polfer

LeccoToday è in caricamento