menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'azeinda ospedaliera, con ComfTech e Samsung italia ha visto nascere i nuovi sistemi di monitoraggio per il dipartimento materno infantile

L'azeinda ospedaliera, con ComfTech e Samsung italia ha visto nascere i nuovi sistemi di monitoraggio per il dipartimento materno infantile

Politecnico e Samsung Italia: nuove tutine per monitorare i neonati

Grazie all'accordo tra Politecnico, Samsung e l'azienda ospedaliera di Lecco, sono state create delle tutine con sensori che permettono di monitorare i neonati grazie ad un applicazione per smartphone

Grazie alla collaborazione con il Politecnico di Milano e il dipartimento materno-infantile dell’azienda ospedaliera della provincia di Lecco, ComfTech, da sempre impegnata nello sviluppo di tecnologie pensate per migliorare la vita delle persone, ha condotto con successo la sperimentazione clinica del primo sistema al mondo di monitoraggio dei parametri fisiologici su 30 neonati nelle prime ore di vita. Tale sperimentazione è stata avviata nell’ambito del progetto “New Born Monitoring”, cofinanziato da Regione Lombardia tramite il bando Ergon, al quale hanno preso parte anche le aziende Beta80 S.p.A. e AbAcus S.r.l.

L’accordo di collaborazione tra ComfTech e Samsung Electronics Italia punta, oggi, ad un ulteriore sviluppo condiviso del sistema: attraverso la realizzazione di un’app nativa, gli smartphone e i dispositivi indossabili di Samsung si integrano completamente con il sistema di monitoraggio dell’ospedale, permettendo a medici e infermieri la visualizzazione in tempo reale dei parametri vitali del neonato e la gestione dei relativi allarmi.

Oltre a maggiori sicurezza e comfort per il neonato e per la mamma, ciò permetterà al sistema di offrire anche una migliore flessibilità operativa al personale sanitario che ha in carico il monitoraggio clinico del neonato nell’immediato post-parto: il monitoraggio da remoto, a supporto di una periodica attività di controllo visivo, consentirà, infatti, di avere a disposizione costantemente i dati sul dispositivo mobile per un più puntuale intervento assistenziale in caso di necessità.

“Per noi – spiegano gli specialisti del dipartimento materno infantile dell’azienda ospedaliera - è importante sviluppare tutto ciò che tiene insieme la necessità di sicurezza per i neonati, la necessità di non interferire nei processi di attaccamento tra madre e neonato nei primi momenti di vita e di ottimizzare l’impiego delle risorse umane. La collaborazione con il Politecnico, Samsung e Comftech ci consente tutto questo”.

“Siamo orgogliosi di aver contribuito a questo progetto e lieti che le nostre tecnologie forniscano un contributo concreto e significativo in termini di sicurezza ed efficienza in un ambito cosi delicato come quello sanitario. Siamo fiduciosi che questa iniziativa possa essere un punto di riferimento per altre strutture che volessero digitalizzare i processi di monitoraggio dei propri pazienti” - ha spiegato Antonio Bosio – product & solutions director Samsung Electronics Italia.

Gli elementi coinvolti nel sistema di monitoraggio sono la tutina, munita di sensori per la misurazione della frequenza cardiaca e dell’attività motoria del neonato, e lo smartphone e il dispositivo indossabile, per la ricezione del segnale, la notifica di eventuali allarmi e la verifica del segnale ECG monitorato. La tecnologia Samsung e ComfTech in ambito ospedaliero diventa, quindi, lo strumento d’eccellenza per l’incremento dell’efficienza del personale, non più vincolato a una postazione fissa ma libero di svolgere ulteriori attività lavorative mantenendo allo stesso tempo sotto controllo la situazione clinica dei neonati.

Questo importante traguardo è un esempio di perfetta sinergia tra Samsung Electronics Italia, la ricerca universitaria, un’esigenza concreta - in questo caso clinica - e la spinta imprenditoriale di realtà aziendali che nascono da idee innovative germogliate all’interno dei laboratori del Politecnico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Priscilla cerca casa: «È dolcissima»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento