Morte Pischedda, fermato uno dei tre fuggitivi: denunciato e rilasciato

L'uomo, anche lui un moldavo, è stato interrogato dai militari e denunciato. E' indagato ma è stato rilasciato

Francesco Pischedda, il poliziotto di 28 anni che ha perso la vita durante l'inseguimento

Un furgone sospetto, un inseguimento ad alta velocità, una colluttazione e, poi, la corsa in ospedale, dove ogni speranza si spegne. La morte del poliziotto di 28 anni, Francesco Pischedda, precipitato da una cavalcavia della Super a Colico lo scorso 2 febbraio, lasciò a bocca aperta tanti dei cittadini di Lecco e provincia. E sono tante le vicende che ancora oggi, a distanza di un anno, fanno venire la rabbia. Uno dei tre fuggitivi, infatti, è stato fermato nei giorni scorsi e subito rilasciato. Secondo quanto riportato da Il Giorno, l'uomo è anche lui di origine moldava, come il 25enne arrestato la stessa sera dell'incidente.

I carabinieri friulani lo hanno individuato a Udine durante un controllo. Allertati gli investigatori di Lecco, l'uomo ha confermato la sua identità dichiarando, però, di non essere accorto di ciò che succedeva alle sua spalle quella maledetta sera. Al momento, per lui, nessun mandato di cattua ma soltanto una denuncia. Dopo qualche domanda e dopo avergli notificato di essere indagato, i militari non hanno potuto far altro che lasciarlo andare, libero. 

Il primo dei tre fuggitivi, invece, si trova in Svizzera in carcere."Non ci daremo pace fino a quando tutte e tre le persone coinvolte nell'incidente non saranno condannate", dice Antonio Verbicaro, ispettore capo, vicecomandante della Mobile Lecchese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Giù le mani dalle mogli degli altri»: sui muri bellanesi insinuazioni contro il maresciallo

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Covid, Lombardia verso l'entrata in "zona gialla": cosa cambia

  • De Capitani: «Il Dpcm sul Natale divide l'Italia in due. Voglio vedere chi avrà il coraggio di multare»

  • Lombardia in zona gialla? «Nel Lecchese interessati circa 1.400 esercizi commerciali»

  • Giovani travolti da una piccola slavina sul Legnone: ora rischiano una multa salatissima

Torna su
LeccoToday è in caricamento