La Uil Poste: «Il portalettere è un mestiere usurante, tuteleremo i lavoratori»

Il Congresso esprime contrarietà al progetto di privatizzazione di un'ulteriore quota di capitale di Poste italiane, chiedendo interventi a favore degli operatori

«Chiediamo che il lavoro di portalettere sia riconosciuto come usurante».

È ancora Giuseppe Incorvaia il segretario generale di Uil Poste del Lario per i territori di Como e Lecco. Il rappresentante della categoria dei lavoratori di Poste italiane è stato rieletto dal neocostituito consiglio territoriale, riunitosi al secondo congresso.

A fine sessione è stato stilato un documento in cui si è presa una dura presa di posizione sulle strategie di Poste italiane. «Il 2° Congresso Uil Poste del Lario - si legge - ribadisce la propria contrarietà al progetto di privatizzazione di un'ulteriore quota di capitale di Poste italiane, che se attuata metterebbe a rischio l'unicità aziendale e i livelli occupazionali. Convenendo sulla necessità di massima attenzione, l'assemblea si oppone fermamente a comportamenti vessatori nei confronti dei lavoratori di Mp (servizi al cliente) e Pcl (comunicazione e logistica), dovuti a carenza di personale e crescenti pressioni commerciali».

Il congresso ha inoltre espresso perplessità sull'accordo della riorganizzazione di Pcl, con una Rsu ristretta a 97 unità che «a nostro avviso non esprime appieno una partecipazione democratica che coinvolga tutte le Rsu dei vari territori. Verificheremo che non ci siano ulteriori disagi per le comunità di Como e Lecco».

Il documento stilato durante la riunione chiede alla segreteria nazionale e regionale Uilposte, nonché alla Confederazione di Uil di perseverare sulla strada per «riconoscere il lavoro di portalettere come lavoro usurante, di istituire nuove formule di tutela per gli operatori del settore finanziario, di rafforzare il ruolo sociale che Poste italiane ricopre nel Paese, e di opporsi con forza a ogni tentativo di offendere la dignità dei lavoratori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Lombardia chiede la zona arancione dal 27 novembre

  • «Ho investito in sport e prevenzione, sbagliato il lockdown nei confronti di attività come la mia»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • L'amore trionfa sul virus: si sposa dopo essere stato intubato e aver sconfitto il Covid

  • Ruba un'ambulanza per tornare a casa dal Pronto soccorso

  • Coronavirus, i dati dell'Asst: sono oltre 340 i pazienti ricoverati tra Lecco e Merate

Torna su
LeccoToday è in caricamento