menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Pranzi sospesi", sono oltre 250 i pasti donati ai lecchesi in difficoltà

Trenta le persone che hanno potuto usufruire dei piatti donati dai cittadini. Lunedì 21 la "cena sospesa" per raccogliere fondi

Sono oltre 250 i pasti che i lecchesi hanno donato in favore dei loro concittadini più bosognosi dallo scorso luglio, quando il Progetto Abc e il Comune di Lecco hanno lanciato l'iniziativa del "pranzo sospeso".

Dall'estate scorsa, infatti, al bar Mojito e la ristorante Il Barcaiolo è possibile pagare una pietanza intera o anche solo lasciare un'offerta, come avviene a Napoli per il "caffè sospeso", per fare in modo che anche chi non può permettersi di pagare il pranzo riesca a mangiare.

Dopo la cena inaugurale del progetto, che aveva permesso di raccogliere 320 euro da destinare ai pranzi sospesi, e dopo la donazione del Lions club San Nicolò, che ha ulteriormente contribuito a finanziare i pasti solidali, il prossimo 21 dicembre sarà la volta della "cena sospesa" al Barcaiolo, per «continuare a sensibilizzare la cittadinanza - spiegano gli organizzatori - e finanziare altri pranzi sospesi, così da potere offrire questa opportunità anche per il periodo natalizio alle persone in maggiore difficoltà».

Questo il menù della cena, che prenderà il via alle ore 20: bis di primi Ravioli con farina di mais e salumi affumicati, pasta rustica a l ragù di verdure, un secondo a scelta tra stinco di maiale con polenta e agoni in salsa verde con puntarelle alla romana. Chiuderà la cena il dolce della casa. Per ogni menù, che costerà 15 euro bevande escluse, il Barcaiolo destinerà 2,50 euro al fondo per i pranzi sospesi.

«L’idea di fondo è creare un momento conviviale coinvolgendo i cittadini, promuovendo la coesione sociale e rafforzando i legami di prossimità e di solidarietà per lottare contro l'individualismo e l'isolamento per una città più vicina alle persone in difficoltà - spiegano ancora gli organizzatori - Il senso è di sensibilizzare i cittadini partecipanti a “prendersi cura” della propria città e delle persone bisognose residenti nel medesimi quartieri, una sorta di “adozione di vicinanza”». Un obiettivo che per il prossimo anno sarà esteso anche ad altri esercizi pubblici del territorio, in modo da diffondere maggiormente una cultura della solidarietà. 

Le prenotazioni, obbligatorie, si chiuderanno venerdì 18 dicembre: si può dare la propria adesione presso il Mojito e il Barcaiolo, o con un sms al numero 338.2997542.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento