Cronaca

Accorpamento delle prefetture, Daniele Nava: “Manca un disegno complessivo, rischiamo il caos”

Il Sottosegretario commenta negativamente il progetto di riorganizzazione degli enti che sta toccando Lecco

«Il provvedimento del Governo con cui vengono accorpate le Prefetture è l'ennesima decisione di ridimensionamento delle istituzioni e degli enti attivi sul territorio, senza che questo sia parte di un disegno organico. Così si rischiano solo caos e inefficienza»: è questo il commento del Sottosegretario regionale agli enti locali, Daniele Nava, dopo l’annuncio che 23 Prefetture in tutta Italia saranno accorpate oggetto di accorpamento, così come capiterà a Lecco con quella di Como, e come potrebbe capitare anche per la Camera di commercio.

«Sarebbe auspicabile un maggiore coordinamento - commenta Nava, riferendosi anche al fatto che Confindustria Lecco si è già accorpata a Sondrio e il Provveditorato va con Bergamo - Una situazione del genere rischia di creare grande confusione nei cittadini. Non mi stupirei se in futuro per Lecco uscissero nuovi e improbabili accorpamenti magari con Mantova». 

«Abbiamo già assistito allo svuotamento delle Province, al depotenziamento delle Camere di Commercio e ora tocca alle Prefetture - aggiunge Nava - Non c'è da parte nostra nessun "no" preventivo alla riorganizzazione degli uffici dello Stato a livello locale, ma è assurdo che la Presidenza del Consiglio prenda certe decisioni senza un disegno complessivo e senza un confronto serio con il territorio. Regione Lombardia, al contrario, sta lavorando per la creazione di "aree omogenee" proprio per ragionare secondo un'ottica complessiva rispetto alle caratteristiche dei singoli territori e, comunque, sempre passando attraverso il dialogo e il confronto».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accorpamento delle prefetture, Daniele Nava: “Manca un disegno complessivo, rischiamo il caos”

LeccoToday è in caricamento