Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Processionaria, volontario urticato: esposto del Codacons

L'episodio è accaduto vicino al baitello del Ger, vittima un volontario. L'associazione dei consumatori chiede un intervento deciso di Comune e Asl

Il parassita della processionaria

Il parassita della processionaria continua a creare problemi nel nostro territorio. Con l'approssimarsi della bella stagione, i parassiti hanno abbandonato i loro nidi creando le celebri lunghe file alle quali devono il loro nome.

Questa specie di lepidottero è molto infestante e distruttiva per la vegetazione, ma può anche causare fastidio e pericolo all'uomo, come accaduto qualche giorno fa nella zona del baitello del Ger, dove un volontario è entrato in contatto con la processionaria e ha manifestato una reazione allergica, dovendo ricorrere alle cure mediche. I più esposti a rischi sono i bambini, per non parlare dei cani che a causa degli effetti urticanti del bruco possono persino morire.

Processionaria: cos'è e dove vive

Il problema nel nostro territorio è particolarmente diffuso lungo i boschi del Vallo del San Martino. A Rancio, qualche anno fa, furono raccolte un migliaio di firme per chiedere a Comune e Asl di trovare una soluzione, tuttavia senza trovare riscontri positivi dagli interventi messi in atto.

Sull'argomento si segnala ora l'esposto alla Procura di Lecco del Codacons, che invita le istituzioni a non ignorare il problema. «Si tratta di un parassita che nidifica sui pini piantati molti anni or sono nella zona del Vallo paramassi ai piedi del San Martino. La processionaria è pericolosa per gli animali e per le persone, in particolare modo per i bambini ed è anche pericolosa per la vegetazione. Più volte gli abitanti della zona hanno sollecitato l'intervento delle autorità, purtroppo senza risultati» spiega Alberto Anghileri, consigliere comunale di Cambia Lecco.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processionaria, volontario urticato: esposto del Codacons

LeccoToday è in caricamento