Cronaca

Costa Masnaga, smascherato un giro di baby squillo

L'inchiesta si è poi protratta fino a Milano, ma che ha coinvolto gran parte della Brianza

Dai cinquecento ai mille euro per una serata con ragazze ventenni o, altrettanto spesso, minorenni. Un giro di prostituzione minorile agghiacciante, il cui smascheramento è iniziato circa 6 mesi fa nella caserma dei Carabinieri di Costa Masnaga, cui si rivolse la responsabile di una comunità per minori in difficoltà in seguito al ritrovamento di alcuni messaggi compromettenti sul cellulare di un ospite della struttura.

Da questa traccia i militari hanno cominciato le loro indagini, che hanno portato a individuare in Silvio Polinelli, "pr" 40enne, la figura di riferimento per il giro di baby squillo, esteso in tutta la Brianza e fino agli alti borghi di Milano. Tre, invece, le minorenni coinvolte nel racket all'interno della struttura, di età compresa tra i 16 e i 17 anni.
Un rapporto bilaterale, in cui non era il solo Polinelli a voler fissare appuntamenti a luci rosse, ma per cui le stesse ragazze spingevano. Del "ricavato", il 60% era destinato alle giovanissime, mentre il 40% rappresentava la commissione in favore del "pr".
Lussuose anche le location, come ad esempio il centrale hotel milanese "Principe di Savoia", mentre nel corso dell'indagine è stato fatto anche il nome di Lele Mora, ma finora non sono emersi riscontri in merito al suo nome.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costa Masnaga, smascherato un giro di baby squillo

LeccoToday è in caricamento