menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quattro denunce per un marocchino di Verderio

Fermato dalla Polizia Locale per spaccio di cocaina, si dà alla fuga prima in auto e poi a piedi: alla cattura si scoprono altri 3 reati.

Un altro episodio d'illegalità a Verderio ha come protagonista un marocchino: si tratta di un uomo di 38 residente in paese, anni già noto alle forze dell'ordine, che martedì pomeriggio è stato fermato dalla Polizia Locale dopo aver ceduto della cocaina a tre ragazzi nei pressi della palestra intercomunale.

Gli agenti, che nel corso di un appostamento in borghese hanno visto il nordafricano arrivare a bordo di un'utilitaria, accortisi dello "scambio" hanno raggiunto l'auto che si allontanava e intimato l'alt, cui il marocchino ha risposto dandosi alla fuga: a rotta di collo ha percorso Via dei Municipi e parte del centro, passando anche davanti agli asili, per poi inchiodare in Via dei Prati e scendere dalla macchina, continuando a scappare a piedi. Non si sono fatti cogliere di sorpresa gli agenti, che hanno a loro volta fermato la macchina e continuato l'inseguimento di corsa, riuscendo a placcare il trentottenne dopo qualche centinaio di metri.


Una volta portato al Comando, il marocchino è stato perquisito e si è scoperto che la dose di cocaina spacciata ai ragazzi vicino alla palestra non era l'unica irregolarità: aveva guidato senza avere la patente, carta verde e tagliando assicurativo dell'auto sono risultati contraffatti e non aveva con sé il permesso di soggiorno. È stato quindi denunciato per spaccio di sostanze stupefacenti, mancato possesso della patente di guida, contraffazione e alterazione di documenti e violazione della normativa in materia di immigrazione, reati per i quali dovrà rispondere davanti al giudice.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Lecco: lunedì 10 aprono le prenotazioni dei vaccini per la fascia 50-59 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento