rotate-mobile
Cronaca

Rapinò l'ex compagna: soggetto pericoloso atteso dal rimpatrio

L'aggressione, con rapina, lo scorso febbraio. Nella mattinata di giovedì l'uomo, irregolare e con precedenti, è stato accompagnato in un centro di temporanea accoglienza

Rapinò la sua ex compagna: ora è in un centro di permanenza in attesa del rimpatrio. Gli agenti della polizia di Lecco, nella mattinata di giovedì, hanno proceduto ad accompagnare un uomo appena scarcerato e con vari precedenti a carico, irregolare sul territorio nazionale, in un centro di temporanea accoglienza.

Ritenuto "soggetto pericoloso", l'uomo era stato arrestato lo scorso 20 febbraio dagli agenti della Volanti per rapina commessa ai danni della sua ex compagna.

I fatti del 20 febbraio

La chiamata di aiuto era arrivata attraverso il numero unico per le emergenze, 112, per segnalare l'aggressione di un uomo ai danni di una donna. All'arrivo dei poliziotti questa aveva raccontato di avere incontrato il suo ex mentre si trovava a passeggio con il proprio cane, di essere stata prima insultata e poi aggredita fisicamente. Nella colluttazione il malvivente le aveva sottratto la borsa, il telefono cellulare e altri effetti personali.

Gli agenti, grazie al persistante abbaiare del cane, avevano scoperto l'uomo nascosto dietro un cespuglio. Dalla successiva perquisizione, il soggetto era stato trovato in possesso dei beni appena sottratti alla donna, motivo per cui era scattato l'arresto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinò l'ex compagna: soggetto pericoloso atteso dal rimpatrio

LeccoToday è in caricamento