rotate-mobile
Cronaca

Legittima difesa, Regione Lombardia stanzia un fondo per pagare le spese legali di chi spara

Novità assoluta in Italia: il Pirellone pagherà le spese legali di chi spara per difendersi e viene accusato

Un incentivo per aiutare chi commette un delitto per legittima difesa: questa la novità assoluta in Italia, contenuta nel progetto di legge approvato dalla Giunta regionale della Lombardia qualche giorno fa, su proposta dell'Assessore alla sicurezza, protezione civile e immigrazione, Simona Bordonali.

Un milione di euro di fondi che saranno stanziati per promuovere la cultura della legalità, ma anche per aiutare nelle spese processuali chi spara per difendersi e finisce incriminato per eccesso colposo di legittima difesa.

L'intero stanziamento sarà suddiviso fra le vittime di reati di stampo mafioso, la prevenzione e il contrasto della criminalità comune e delle truffe agli anziani, a cui saranno destinati 200 mila euro; 300mila saranno per le iniziative che diffondano la cultura della legalità (corsi di formazione, attività didattiche per gli studenti), 100mila euro saranno destinati all'assistenza e all'aiuto per i familiari delle vittime della criminalità, 50mila euro serviranno a coloro che vengono incriminati per eccesso colposo di legittima difesa. 350mila inoltre, serviranno a finanziare il fondo per il recupero sociale dei beni confiscati alle mafie e 48mila per il funzionamento della Commissione di esperti.

Il progetto di legge riunisce i due leggi regionali già esistenti, la 2 e la 9 del 2011, con in più il progetto di diffondere la cultura della legalità e la novità del patrocinio per coloro che vengono accusati di un delitto per legittima difesa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legittima difesa, Regione Lombardia stanzia un fondo per pagare le spese legali di chi spara

LeccoToday è in caricamento